8.1 C
Praga
TM Ads

Funzionalismo a Praga: la stazione di trasformazione Edison

Date:

Share:

- FM Ads -

La vecchia stazione di trasformazione Edison rappresenta una delle prime realizzazioni di architettura funzionalista nel centro di Praga.

L’edificio funzionalista della stazione di trasformazione Edison (Edisonova transformační stanice o più semplicemente Trafostanice) fu progettato e realizzato negli anni 1926-1930 per le compagnie elettriche di Praga dall’architetto František Albert Libra. La stazione è rimasta in servizio fino agli anni 90. Per chi non lo sapesse (ovvero più o meno chiunque), una stazione di trasformazione è un complesso delle apparecchiature utilizzate per trasferire l’energia elettrica tra reti a tensioni diverse.

Lo stabile è a forma di cubo e la struttura è alleggerita da diversi vani finestrati, elemento che ritroviamo soprattutto nell’architettura di fabbriche industriali. Sorprendentemente, l’edificio non ha uno scheletro in cemento armato: in cemento sono solo i soffitti, il resto è in mattoni.

Ogni piano ha una diversa planimetria ed una propria terrazza. La facciata anteriore è doppia: tra lo sbalzo e la facciata vera e propria c’è una distanza di quasi mezzo metro, che garantiva la ventilazione naturale e il raffreddamento dei trasformatori.

- TM Ads -

Nel 1930, un’opera d’arte dello scultore Zdeněk Pešánek arricchì la facciata. Pešánek era un esponente d’avanguardia, pioniere dell’arte cinetica e creatore delle prime sculture cinetiche in Repubblica Ceca. La scultura presso la stazione di trasformazione Edison divenne la prima scultura cinetica nella storia dello spazio pubblico. Il suo tema era celebrare la nuova era dell’elettricità ed il progresso tecnico. Il corpo in plastica trasparente illuminava 420 lampadine colorate disposte in fila all’interno di una struttura di plastica. L’azione ritmica della luce era controllata da un pianoforte pneumatico programmabile.

La scultura purtroppo è andata perduta dopo il 1936. Una copia, con dimensioni equivalenti alla metà dell’originale, è presente sulla facciata dell’edificio PRE a Praga Vršovice.

Uso odierno della stazione di trasformazione Edison

La trafostanice è stata riportata al suo splendore originale grazie ad un’importante ricostruzione. Alla guida di questo progetto, messo in atto tra il 2005 ed il 2007, c’era l’architetto Ladislav Lábus. La riconversione ha permesso all’edificio di riprendere vita.

Durante i lavori è stato possibile spostare i macchinari al piano interrato, creando così nuovi spazi. Al piano terra ha trovato posto, dal 2019, l’ Edison FilmHub, uno spazio multifunzionale, che ospita un moderno cinema da camera ed un elegante caffè bar. Il club offre sia titoli in anteprima, che vecchi film d’arte europei, presentazioni, conferenze ed eventi speciali, come incontri con i registi.

I piani superiori sono usati da uffici ed appartamenti.

Nei locali accuratamente ristrutturati si possono ancora notare alcuni dettagli originali, come i quattro massicci cancelli in acciaio al piano terra, i sottili telai delle finestre in acciaio e le ringhiere in acciaio sulla scala principale.

Altro nella sezione Altra Praga

Leggi anche: il funzionalismo in Repubblica Ceca: Zlín


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

- FM Ads -
Marci Muchomůrka
Marci Muchomůrka
La papessa | Ameba cittadina del mondo. Proviene dalla città eterna ma sogna di stabilirsi in Kyrgyzstan per aprire un import-export di olivello spinoso. Prima di trapiantarsi a Praga ha fatto l'interrail dei luoghi più piovosi d'Europa, che comincia in Irlanda, passa dai Carpazi e finisce a Udine. Nel frattempo, per Italia Praga One Way scrive di temi e luoghi che non interessano a nessuno, ricevendone come guiderdone 1L di succo di zenzero e curcuma ogni mese.
FM Ads

━ more like this

CS IIC: “Sardegna, un’emozione da vivere tutto l’anno”

Si trasmette il comunicato stampa dell’Istituto italiano di cultrura (IIC) a Praga relativo a un ciclo di iniziative con i tour operator dell’Europa centrale...

CS IIC: “lo spazio incontra la cultura”, workshop su come scoprire e preservare il patrimonio culturale dallo spazio

Si trasmette il comunicato stampa dell'Ambasciata d'Italia a Praga relativo al workshop "Lo spazio incontra la cultura", svoltosi all'Istituto italiano di Cultura di Praga...

CS ICC: “Spirito di pace”, personale del Maestro Giorgio Celiberti per il giorno della memoria

Riportiamo il comunicato stampa dell’Istituto italiano di cultura (IIC) sulla mostra personale del Maestro Giorgio Celiberti per il giorno della memoria. Nel quadro delle commemorazioni...

Altra Praga: la casa del suicida e la casa della madre del suicida

Il monumento "Casa del suicida e Casa della madre del suicida" è dedicato a Jan Palach e a sua madre Libuše Palachová. L'installazione Casa del suicida...

L’altra Praga: Palazzo Desfours

A prima vista, Palazzo Desfours sembra un palazzo qualsiasi in stile neoclassico. Ma è dietro quell'austera facciata che si nascondono interni magnificamente decorati. Palazzo Desfours...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.