Autor: BíláVrána – Vlastní dílo, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=93885978

Le catacombe di Klatovy ospitano 38 mummie e si trovano all’interno di una chiesa fondata dai Gesuiti nel XVII secolo.

Non siamo in un museo egizio, ma nella regione di Plzeň, a pochi passi dal confine tedesco.
Klatovy è stata fondata nel XIII secolo dal re Přemysl Otakar II; all’inizio la città era divenuta popolare poiché in una posizione strategica per gli scambi commerciali tra la Bavaria e Praga, ma col tempo diventò anche un importante centro culturale e religioso.

Nel XVII secolo infatti alcuni membri dell’Ordine dei Gesuiti si stabilirono a Klatovy, lasciando un’eredità storica alquanto particolare: 38 cadaveri perfettamente mummificati.

I corpi imbalsamati si trovano nei sotterranei della chiesa che si trova nella piazza centrale. L’edificio è imponente e ha un nome ufficiale alquanto lungo: Jezuitský kostel Neposkvrněného početí Panny Marie a svatého Ignáce (ovvero Chiesa gesuita dell’immacolata concezione della Vergine Maria e di Santo Ignazio).

Per la preservazione dei cadaveri si è adottato un ingegnoso sistema di ventilazione basato interamente sulla circolazione naturale dell’aria. Con questo metodo i Gesuiti riuscirono a preservare circa 200 mummie; molte di esse però vennero danneggiate durante i lavori di ricostruzione della città nel Novecento e fu necessario quindi seppellirle.

Le 38 salme rimaste rappresentano una parte importante della storia di Klatovy e del ruolo chiave dei Gesuiti nel suo sviluppo. La scuola fondata dall’ordine religioso divenne uno dei centri culturali più importanti in terra ceca, permettendo alla città di espandersi anche economicamente.

I Gesuiti potevano permettersi di assumere gli architetti e artisti più celebri dell’epoca, quali Giovanni Domenik OrsiCarlo Lurago e Kilian Ignaz Dientzenhofer. I professionisti chiamati dai Gesuiti venivano anche incaricati di fare dei lavori per i villaggi più piccoli della zona; motivo per il quale oggi possiamo trovare molti edifici barocchi in centri più piccoli come Přeštice, Nicov e Týnec.

Investimenti sul turismo

Negli ultimi anni la città sull’esposizione delle cripte a fini turistici, servendosi anche di alcuni aiuti dell’Unione Europea.

Inoltre Klatovy presenta anche altre attrazioni che vale la pena visitare, come ad esempio la farmacia barocca o la Černá věž (La torre nera), alta 81 metri e dalla quale si può ammirare tutta la città.

I nostri articoli sulle Città ceche


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

FONTERadio Prague International
Articolo precedenteMittelCinemaFest 2020: festival del cinema italiano al via il 26 novembre
Articolo successivoPedaggio autostradale in Repubblica Ceca: il nuovo sistema
La Ba(o)rbona - Originaria dei monti sicani, alterna la vita nell'isola natìa con lunghi soggiorni nella Mitteleuropa. La sua natura filo-gitana e la scarsità di risorse la portano a non avere fissa dimora e a familiarizzare con tutti i divani, materassini gonfiabili e brandine del vecchio continente. In realtà è una spia segreta, ma neanche lei si ricorda per quale governo. In ogni caso, se le offrite una pacca sulla spalla e un carboidrato a vostra scelta riuscirete a portarla dalla vostra parte. Quando le chiedono cosa l'abbia portata in Boemia risponde sempre "Flixbus" e non capisce perché questa risposta non sia soddisfacente. Per Italia Praga One Way fa quello che gli altri non hanno mai avuto il coraggio di fare: accollarsi il lavoro arretrato e defenestrare dalla Žižkov Tower tutti coloro osano definirla un brutto edificio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.