Home Notizie Misure anti-crisi: 1.150 miliardi di corone spese per l'emergenza covid

Misure anti-crisi: 1.150 miliardi di corone spese per l’emergenza covid

Per far fronte all’emergenza covid sono state usate più di 1.000 miliardi di corone. Gli esperti però criticano l’operato del governo: le misure anti-crisi sono arrivate troppo tardi.

Per sostenere l’economia durante le fasi salienti dell’emergenza covid, lo Stato ha investito circa 1.150 miliardi di corone, ovvero il 20,8% del PIL ceco. Questi dati sono emersi il 10 giugno, quando il ministro delle Finanze Alena Schillerová ha discusso nel dettaglio tutte le misure anti-crisi adottate dal governo.

Alcuni economisti hanno però criticato l’operato del ministero, che ad aprile aveva stimato un calo del PIL del 5,6% mentre adesso è chiaro che il declino economico sarà superiore.

Ad inizio maggio, secondo il ministero delle Finanze, il totale dei fondi impiegati per il sostegno finanziario ammontava a 1.130 miliardi di corone (pari al 20,4% del Pil).
Recentemente il ministero ha aumentato i finanziamenti per il supporto diretto, arrivando a una cifra di 271,1 miliardi di corone (4,9% del Pil) mentre prima erano 255,2 (4,6% del PIL).

Fino al 22 giugno, sono stati spesi 88,4 miliardi di corone per fornire supporto economico in relazione alla pandemia. Gli aiuti diretti ai cittadini e alle industrie ammontano 56,7 miliardi di corone; ci sono state altre spese coperte con le riserve dei budget governativi per 16,4 miliardi di corone e il volume dei prestiti che sono stati supportati è pari a 15,3 miliardi di corone.

Il ministero delle Finanze si occuperà di aggiornare regolarmente questi dati, pubblicando mensilmente un riepilogo del budget statale.

Schillerová ha voluto aggiungere che, se messa a paragone con altri paesi, la Repubblica Ceca non sta gestendo male la situazione. Il ministro ritiene che il budget usato per il sostegno diretto sia stato uno dei più alti in relazione al Pil, subito dopo quello impiegato dalla Germania.

Eppure, da alcune analisi è emerso che l’assistenza fornita dalla Repubblica Ceca è la più scarsa in termini di differita delle tasse e remunerazioni tra le nazioni con cui è stata paragonata, e la quarta in classifica per quanto riguarda i regimi di garanzia.

Parlano gli esperti: “troppo poco, troppo tardi”

Secondo gli economisti di Patria Finance (una delle piattaforme di consulenza e trading finanziario più importanti della ČR) usare il 15,4% del PIL sotto forma di garanzia statale per i prestiti è “un’idea che non sta né in cielo né in terra”. “Anche se i programmi COVID III e COVID+ dovessero funzionare, quest’anno non vedremo veramente arrivare prestiti per un totale di 800 miliardi di corone”.

Secondo la Banca nazionale (ČNB), in data 12 giugno, ad esempio, erano stati impiegati 17 milioni di corone dal programma COVID III. Erano state approvate le richieste per un totale di 143 milioni di corone. Il totale delle richieste ricevute avrebbe richiesto invece una copertura di 11,9 miliardi. Il fondo garanzia del programma COVID III corrisponde a un totale di 500 miliardi di corone.

Le misure anti-crisi sono state criticate anche dagli economisti della Raiffeisenbank per aver agito troppo lentamente. Secondo loro gli aiuti finanziari che sono stati erogati non corrispondono a quanto era stato promesso inizialmente.

“Sicuramente molte cose si sarebbero potute are meglio. Ma sono convinta che le misure prese per aiutare l’economia siano consistenti e rapide” ha dichiarato il ministro Schillerová. A detta sua, gli errori maggiori sarebbero stati commessi durante i programmi COVID I e COVID II.

Tabella delle misure anti-crisi adottate in relazione alla pandemia di COVID-19 (aggiornata al 10 giugno):

Tipologia di sostegno Percentuale del PIL impiegata

Investimento in Kč

Sostegno diretto 4,9% del PIL 271,1 miliardi
Misure sul versante delle entrate 151,6 miliardi
Misure legate alla tassazione (bonus per i liberi professionisti e per le PMI, abolizione delle imposte sulle acquisizioni immobiliari, riduzione dell’IVA eCC.) 113,5 miliardi
Misure in pagamenti premium (sgravi fiscali ai liberi professionisti, programma Antivirus C) 36,6 miliardi
Altro 1,5 miliardi
Misure sul versante delle uscite 119,5 miliardi
Sanità (incremento di pagamenti per le assicurazioni statali, salari, equipaggiamento protettivo per il personale, apparecchiature mediche, riduzione dei debiti ospedalieri) 47,1 miliardi
Estensione e aumento dell’indennità di assistenza infermieristica, compresi gli infermieri autonomi 15,4 miliardi
Sostegno diretto delle aziende (programma antivirus, prestito COVID I, prestiti PGRLF, programma COVID – affitto) 41,5 miliardi
Altre spese (aumento dei fondi statali per le infrastrutture, sviluppo rurale, silvicoltura, agricoltura, ecc.) 15,5 miliardi
CORREZIONI SULLE ALIQUOTE MENSILI 0,5% del PIL 26,7 miliardi
Rimborsi da dichiarazione dei redditi 26,7 miliardi
Piani di garanzia 15,4% del PIL 851,5 miliardi
COVID II – capacità di garanzia 20 miliardi
COVID III- capacità di garanzia 500 miliardi
EGAP – aumento della capacità assicurativa a 330 miliardi di CZK 330 miliardi
COVID Praga – capacità di garanzia 1,5 miliardi
TOTALE 20,8% del PIL 1149,3 miliardi

 

Fonte – ČTK

Altro nella sezione Notizie


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Emanuela Figliuolo
La Ba(o)rbona - Originaria dei monti sicani, alterna la vita nell'isola natìa con lunghi soggiorni nella Mitteleuropa. La sua natura filo-gitana e la scarsità di risorse la portano a non avere fissa dimora e a familiarizzare con tutti i divani, materassini gonfiabili e brandine del vecchio continente. In realtà è una spia segreta, ma neanche lei si ricorda per quale governo. In ogni caso, se le offrite una pacca sulla spalla e un carboidrato a vostra scelta riuscirete a portarla dalla vostra parte. Quando le chiedono cosa l'abbia portata in Boemia risponde sempre "Flixbus" e non capisce perché questa risposta non sia soddisfacente. Per Italia Praga One Way fa quello che gli altri non hanno mai avuto il coraggio di fare: accollarsi il lavoro arretrato e defenestrare dalla Žižkov Tower tutti coloro osano definirla un brutto edificio.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Schengen: diario riapertura dei confini [aggiornamento progressivo]

Pubblichiamo questo articolo in costante aggiornamento sulla riapertura dei confini tra Repubblica Ceca e altri stati europei 7 agosto In ragione dei vari cambiamenti degli ultimi...

Primark arriva a Praga, si cerca personale

Il colosso della fast fashion Primark farà il suo ingresso nella Repubblica Ceca entro la fine del 2020, si è alla ricerca di personale...

Pařezová chaloupka: la strana fermata degli autobus vicino a Plzeň

Situata in uno dei comuni più piccoli della Repubblica Ceca, con la sua aria fiabesca la Pařezová chaloupka riesce a catturare l'attenzione di tutti...

Bilancio europeo: Repubblica Ceca riceve 50 miliardi di corone in più

Aumenta l'attivo netto del paese, che dall'UE ha ricevuto 50 miliardi di corone in più rispetto ai contributi versati in precedenza nel bilancio europeo. Le...
Close