coronavirus quarantena obbligatoria

Forniamo la traduzione dell’ordinanza relativa alla quarantena obbligatoria per chi arriva dall’Italia emessa dal ministero della Salute Ceco. Traduzione Ambasciata e Luca Vannucci. Revisione Vojvodata.

Il ministero della Salute ha emesso un provvedimento di emergenza relativo alla quarantena dei cittadini di ritorno dall’Italia (qui il testo originale)

“Il ministero della Salute ha emesso una nuova misura di emergenza oggi, a causa della significativa diffusione di COVID-19 in Italia (circa 4.000 casi) e del fatto che il numero preminente di persone infette nella Repubblica Ceca è stato infettato durante un soggiorno in Italia. Secondo le nostre informazioni ci sono 16,5 mila cechi in Italia.

Con effetto immediato, viene ordinato a tutte le persone con residenza permanente (všem osobám s trvalým pobytem) nella Repubblica ceca, che dalla data 7 marzo 2020 rientrano alla loro residenza dopo permanenza in Italia, di riferirlo al proprio medico di famiglia immediatamente dopo il loro ritorno nella Repubblica Ceca, per telefono o altri mezzi remoti (applicazioni mobili, e-mail, skype, ecc.), vale a dire senza contatto personale.

Ordina inoltre ai medici di base di decidere di mettere in un periodo di quarantena di 14 giorni le persone residenti nella Repubblica ceca che sono tornate dalla loro permanenza in territorio italiano nella Repubblica ceca dal 7 marzo 2020.

Con quarantena si intende principalmente la separazione di una persona sana da altre persone al fine di prevenire la trasmissione di una malattia infettiva in un momento in cui la malattia potrebbe diffondersi. È prevista una multa fino a 3 milioni di CZK per la violazione della quarantena ai sensi della legge sulla protezione della salute pubblica. Il medico di base ha il diritto di prolungare la quarantena in caso di malattia COVID-19.

Le persone in quarantena hanno diritto alle prestazioni di malattia. In caso di buona salute dei dipendenti e del loro interesse per il telelavoro, incoraggiamo i datori di lavoro a rispondere a questa emergenza e concordare con i dipendenti di lavorare da casa. A seguito della misura straordinaria adottata e anche a causa di altri impatti causati dalla malattia COVID-19, lo stato è pronto a preparare programmi per la compensazione delle perdite degli imprenditori attraverso la Banca di garanzia e sviluppo ceca-morava (Českomoravská záruční a rozvojová banka – ČMZRB).”

Il sito del quotidiano Dnes riferisce che oggi il ministro della Salute Adam Vojtěch ha aggiunto che dalla quarantena obbligatoria sono esclusi i conducenti di trasporto merci (camionisti), i conducenti di veicoli che operano servizi sanitari e i piloti di aerei di linea.

I viaggiatori provenienti dagli altri aeroporti italiani ancora collegati, continuano comunque ad essere indirizzati verso un’uscita dedicata dell’aeroporto d’arrivo, dove è effettuato il controllo visuale della temperatura corporea e solo in caso di rilevamento febbrile, controlli medici più accurati. Per i casi sospetti o accertati, il protocollo sanitario (qui come nel resto del mondo), prevede la quarantena in loco.

Regolari i collegamenti terrestri ad eccezione di RegioJet che ha annunciato di interrompere le linee Italia-Repubblica Ceca a partire dal 9 marzo 2020 fino a nuovo avviso.

I nostri articoli sul Coronavirus in Repubblica Ceca


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

 


Articolo precedenteIl governo ceco introduce la quarantena per chi torna dall’Italia dopo il 7 marzo
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.