Bruxelles UE recovery fund
Palazzo Berlaymont, sede della CE, Bruxelles

La Repubblica Ceca dovrebbe ricevere una somma di 19,2 miliardi di euro (550 miliardi di corone) nell’ambito del recovery fund, il fondo straordinario proposto dalla Commissione europea per aiutare gli Stati UE a riavviare le proprie economie.

Il Recovery Fund (il cui nome tecnico è “Next generation EU”) deve essere approvato da tutti i 27 Stati membri e questo costituisce ovviamente un problema poiché diversi governi, tra cui anche quello di Babiš, si dichiarano al momento contrari all’accumulo di debito congiunto dell’UE.

In base al piano preliminare, il fondo sarebbe suddiviso tra sovvenzioni e prestiti che dovrebbero essere rimborsati nel corso del tempo. La Repubblica Ceca riceverebbe 8,6 miliardi di euro di fondi diretti dell’UE (quindi non soggetti a restituzione) e i restanti 10,6 miliardi di euro attraverso prestiti fruttiferi avvantaggiati (quindi non soggetti a interessi e da restituire entro il 2058).

La somma totale messa a disposizione dal recovery fund ai 27 membri è di 750 miliardi di euro, con quelli più colpiti dalla crisi del Coronavirus che riceveranno più aiuti.

In ragione di questo, Spagna e Italia riceveranno circa 313 miliardi di euro alle stesse condizioni della Repubblica Ceca, oltre un terzo dell’importo totale del piano. Questo è uno dei punti principali di scetticismo di diversi paesi, poiché i due Stati hanno da lungo tempo economie traballanti e dunque non offrono particolari garanzie a sostegno del piano. Ora, Babiš ha criticato il piano per fare la populistata e presentarsi come difensore dell’economia ceca agli elettori, ma è probabile che lo accetti senza battere ciglio. Altri Stati hanno dei punti di scetticismo molto più fondati.

Venendo invece agli altri tre paesi di Visegrad, la Polonia sarebbe il terzo destinatario principale del fondo, con  63 miliardi. L’Ungheria riceverebbe 15 miliardi e la Slovacchia 13 miliardi di euro.

Germania e Francia, che sono i principali fautori della proposta, riceverebbero rispettivamente 29 e 39 miliardi di euro.

Il testo integrale della proposta è disponibile sul sito della Commissione europea. Attualmente solo in inglese, appena sarà tradotto cercheremo di recuperarlo.

Altro nella sezione Notizie


Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca? Metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Articolo precedenteRegiojet (Student agency): riaprono le tratte internazionali
Articolo successivoStranieri truffati: a Praga succede a una persona su cinque
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.