Esistono i coffee shop a Praga? La legge ceca sulla droga

0
9027
coffee shop a praga

Esistono i coffee shop a Praga? Questa è la domanda che più spesso ci fate nelle moltissime email che riceviamo.

Le idee sono molto confuse e la miglior cosa per non sbagliare è seguire alla lettera la legge ceca sul possesso di droga (in ceco). D’altra parte internet non vi aiuta a capirci qualcosa. Molti sono i “guru di Praga” che millantano informazioni che hanno udito dall’amico del cugino che ha un parente a Praga.

 hc coffee shop_1

La Repubblica Ceca e il suo approccio all’uso delle droghe hanno una storia unica e interessante, che dovrebbe essere considerata maggiormente quando si affronta questo tema alquanto spinoso. Durante il regime comunista, le droghe ricreative/illecite e il loro consumo sono stati praticamente ignorati, in quanto lo Stato rifiutava semplicemente di riconoscerne l’esistenza. Ciò ha provocato una vera e propria mancanza di politiche concrete e misure preventive; con la caduta del comunismo, un cambiamento era un passo obbligato vista la nuova e crescente minaccia globale dell’HIV che poteva (e può) essere contratto attraverso l’uso di aghi infetti.

Nel dicembre 2009, la legislazione in materia ha subito un radicale rinnovamento, in quanto il Governo ha adottato nuove leggi entrate poi in vigore nel gennaio 2010. La stampa ceca si è affrettata a criticare i nuovi decreti, etichettandoli come “troppo liberali e a favore di chi fa uso di droghe illecite”, temendo un aumento non solo del numero di persone a rischio dipendenza, ma anche del numero di reati legati al mondo della droga.

Alcuni dati: la Repubblica Ceca è uno dei quattro paesi dove si registra la più alta crescita di consumatori di cannabis.

Sono circa 60mila le persone di età compresa tra 15 e i 34 che fanno uso quotidiano di erba e hashish, su un totale di circa 10,5 milioni abitanti, anche se veri e propri coffee shop a Praga non esistono. Ma il consumo di marijuana e la produzione personale di piante non sono visti come problemi urgenti per il paese. Chi fa uso di marijuana è visto piuttosto come un soggetto poco propenso a commettere reati legati al mondo della droga e i danni che possono provenire da un uso prolungato di queste droghe leggere, sono considerati relativamente innocui rispetto ad altre droghe illegali ben più “pesanti”.

LASCIA UN COMMENTO