referendum sul taglio dei parlamentari

A causa dell’emergenza coronavirus, anche il referendum sul taglio dei parlamentari, previsto per il 29 marzo, è stato posposto.

Lo ha deciso il consiglio dei ministri riunitosi ieri. Ancora non è stata fornita una data sostitutiva. La decisione ovviamente vale anche per il voto all’estero.

Scopo del referendum è approvare o meno la riforma costituzionale che diminuisce il numero degli eletti da 945 a 600 (riducendo i deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200). In questo modo sarebbero ridotti anche i parlamentari eletti all’estero che da 18 diventerebbero 12: otto invece di 12 alla Camera e quattro invece di sei al Senato.

Dato che il voto all’estero si svolge per corrispondenza, alcune sedi avevano già avviato le operazioni e avevano cominciato ad inviare le buste. Come abbiamo già detto, noi avremmo dovuto votare per il referendum sul taglio dei parlamentari entro il 26.

Informazioni sul voto per corrispondenza per i residenti all’estero sono disponibili qui

Il modulo per l’opzione degli elettori residenti all’estero per l’esercizio del diritto di voto in Italia è disponibile qui

Il sito dell’ambasciata ricorda che “i connazionali residenti in Repubblica Ceca che eventuali cambi di residenza vanno segnalati a consolare.praga@esteri.it. La disponibilità di recapiti aggiornati è necessaria per assicurare l’invio dei plichi agli indirizzi corretti”.

Tutti i comunicati dalle istituzioni


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

 

Articolo precedenteLinea D: aggiornamento 2020
Articolo successivoIl governo ceco introduce la quarantena per chi torna dall’Italia dopo il 7 marzo
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.