Adv
Home Notizie Attualità QUARANTENA BREVE, terza annata di Coronavirus in Repubblica Ceca: tutte le novità...

QUARANTENA BREVE, terza annata di Coronavirus in Repubblica Ceca: tutte le novità in aggiornamento costante

Le misure e restrizioni approvate dal governo della Repubblica Ceca per fronteggiare l'epidemia di coronavirus durante la stagione invernale 2021 e 2022.

By www.vperemen.com, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=88246186

Secondo tradizione, ecco l’articolo in cui riferiamo misure e restrizioni approvate dal governo per fronteggiare l’epidemia di coronavirus in Repubblica Ceca nell’inverno 2021-2022.

Come da tradizione cercheremo di aggiornare secondo le nostre possibilità di tempo anche questo articolo sul terzo anno di Coronavirus in Repubblica Ceca.

Intendiamoci, con terza annata intendiamo terza sessione invernale, quindi contiamo 19/20, 20/21 e ora 21/22. Visto che a ondate siamo circa alla 31ma, non sappiamo più come orientarci in maniera chiara.

11 gennaio

A partire da oggi, la quarantena (e relativo periodo di isolamento) per i positivi al Covid è ridotta a 5 giorni.

Ciò è però valido solo a queste condizioni:

  • Si è asintomatici
  • Finiti i 5 giorni di isolamento, si consiglia caldamente di utilizzare una mascherina durante i contatti con altre persone.
  • Se si è asintomatici e vaccinati o si ha già avuto il Covid, non è necessario andare in quarantena.


30 dicembre

Norme di ingresso generali – recap.
I non residenti in Repubblica Ceca, all’ingresso nel paese, devono:

  • Compilare il přijezdový formular – sono esclusi i minori al di sotto dei 12 anni e chi viaggia con un mezzo di trasporto individuale (auto).
  • Effettuare un test PCR nelle 72 ore precedenti la partenza. Sono esonerati dall’obbligo di test prima della partenza i viaggiatori vaccinati con dose booster ovvero chi ha avuto la terza dose o chi ha avuto la seconda dopo una prima dose Johnson & Johnson. Il Super Green Pass è valido immediatamente. Sono esclusi anche i minori al di sotto dei 12 anni, i minori tra i 12 e i 18 anni con due dosi di vaccino. È escluso anche chi ha completato il primo ciclo vaccinale da almeno 14 giorni.
ATTENZIONE: i residenti di fatto (ovvero chi vive qui ma non ha un permesso di soggiorno) sono contati come turisti e quindi sono soggetti agli obblighi qui sopra.
I residenti non vaccinati devono fare un antigenico 48 ore prima del ritorno in Repubblica Ceca.
Chi non è vaccinato e non ha avuto il Covid negli ultimi 6 mesi, dopo l’arrivo deve fare un secondo PCR entro 5 giorni. In attesa del risultato, indossare sempre la mascherina FFP2, senza valvola, anche all’aperto.
Le compagnie aeree possono imporre misure più restrittive per consentire l’imbarco.

RESTRIZIONI IN VIGORE SUL TERRITORIO CECO

  • nel centro di Praga è vietato consumare bevande alcoliche in luoghi pubblici, anche all’aperto;
  • agli eventi culturali e sportivi possono partecipare massimo mille persone, sedute, in possesso di Green Pass attestante il completamento del primo ciclo vaccinale o di certificato di guarigione dal Covid negli ultimi 6 mesi.
  • incontri, feste, balli e celebrazioni possono coinvolgere massimo cento persone; dal 29 dicembre al 2 gennaio, massimo 50 persone.
In Repubblica Ceca, per accedere a ristoranti, strutture di accoglienza, eventi, ecc. è necessario essere in possesso di un certificato di avvenuto completamento del primo ciclo vaccinale o di avvenuta guarigione da Covid non più vecchio di 6 mesi.
I minorenni (tra i 12 e i 17 anni), coloro che hanno ricevuto la prima dose di vaccino e coloro che hanno ricevuto la seconda dose di vaccino da meno di 14 giorni, devono essere in possesso di un risultato negativo di un tampone PCR (non è valido l’antigenico).
Coloro che non possono vaccinarsi per motivi di salute, devono essere in possesso del risultato negativo di un test PCR e della conferma dell’avvenuta registrazione da parte del medico curante della loro condizione nel Sistema Informativo delle Malattie Infettive (ISIN). L’accesso a strutture sanitarie è consentito anche in presenza di un risultato negativo di un test antigenico professionale o di un test PCR. I minori al di sotto dei 12 anni sono esonerati dall’obbligo di tampone.
L’accesso ai dormitori universitari è consentito soltanto agli studenti vaccinati o guariti dal covid da non più di 6 mesi oppure in possesso del risultato negativo di un test antigenico non più vecchio di 24 ore o di un test PCR non più vecchio di 72 ore. È obbligatorio indossare una mascherina FFP2 o KN95, senza valvola, sui mezzi pubblici.

SPOSTAMENTI DALLA REPUBBLICA CECA ALL’ITALIA DAL 16 DICEMBRE 2021 AL 31 GENNAIO 2022

  1. Compilare il Passenger Locator Form digitale Europeo https://app.euplf.eu/#/.
  2. Essere in possesso di una certificazione attestante il risultato negativo di un tampone PCR effettuato nelle 48 ore precedenti l’ingresso in territorio italiano oppure di un tampone antigenico effettuato nelle 24 ore precedenti l’ingresso in territorio italiano. La certificazione deve essere redatta in inglese, deve riportare nome e cognome dell’interessato, data e ora del prelievo. La certificazione può essere in formato cartaceo o digitale. Non è valido il risultato comunicato via SMS.
  3. Essere in possesso di un Certificato Digitale UE, attestante avvenuta vaccinazione, con completamento del ciclo vaccinale da almeno 14 giorni oppure avvenuta guarigione dal Covid negli ultimi 6 mesi.
ATTENZIONE: coloro che non sono in possesso del certificato di avvenuta vaccinazione o guarigione devono:
  1. sottoporsi all’isolamento fiduciario di 5 giorni, presso l’indirizzo indicato nel PLF
  2. effettuare un secondo tampone, antigenico o molecolare, alla fine del periodo di isolamento.
I bambini di età inferiore ai 6 anni non devono effettuare alcun test; non sono sottoposti ad isolamento, se accompagnati da genitori con certificazione vaccinale o di guarigione. I minori dai 6 ai 17 anni non vaccinati devono effettuare il test prima e dopo l’ingresso in Italia; non sono sottoposti ad isolamento se accompagnati da genitori con certificazione vaccinale o di guarigione. I minori vaccinati devono effettuare il test prima dell’ingresso in Italia.
Chi dovesse effettuare il tampone in Repubblica Ceca, può fare riferimento alla nostra guida in questo link – Tampone Covid in Repubblica Ceca: come e dove.

23 dicembre

A partire dal lunedì successivo, viene introdotto l’obbligo per gli stranieri non residenti di esibire un test PCR negativo all’ingresso nel paese. A meno che non si tratti di persone che hanno già fatto la terza dose.

Coronavirus in Repubblica Ceca – 17 dicembre – Insediamento del governo di Petr Fiala

Il governo Fiala come annunciato, si prefigge di non fare più uso di stati d’emergenza e lock-down per affrontare la pandemia di coronavirus in Repubblica Ceca. Segue invece la legge pandemica.

Coronavirus in Repubblica Ceca – 2 dicembre – Introduzione dose booster

La terza dose diventa pressoché obbligatoria. Il ministro della Sanità Adam Vojtěch ha affermato oggi che la validità dei green pass per chi ha avuto 2 sole dosi sarà accorciata a 9 mesi a partire dal 1° gennaio. In tal modo Praga si adegua alle recenti linee guida diramate dalla Commissione europea.

Nella giornata di ieri il premier uscente Andrej Babiš e quello subentrante Petr Fiala, in conferenza stampa congiunta, hanno dichiarato l’intenzione di voler vaccinare un milione di persone in un mese. Si intende gente che non è mai stata punta. A tal scopo riapriranno i maxicentri vaccinali come la O2 arena.

Coronavirus in Repubblica Ceca – 25 novembre – Semi-lockdown

Il governo ceco in questa data e con effetto dal giorno successivo dichiara lo stato d’emergenza e le seguenti misure, che corrispondono ad un lock down a mezzo servizio.

  • ristoranti, bar e club dovranno essere chiusi dalle 22:00 alle 04:59 da venerdì
  • vietato il consumo di alcolici in pubblico.
  • non sarà possibile consumare cibo dentro i centri commerciali
  • vietati i mercatini di Natale da venerdì sera, ad eccezione della vendita di alberi e carpe.
  • limite massimo di 1.000 persone per assistere a spettacoli culturali, eventi sportivi ed eventi educativi, solo se vaccinati o post-covid
  • limite massimo di 100 persone potranno assistere ad altri eventi di massa come celebrazioni, feste o balli. I funerali non avranno limite di partecipazione
In conferenza stampa il premier Andrej Babiš ha detto che la vaccinazione obbligatoria di alcune professioni e fasce di età è inevitabile. Secondo il primo ministro, alla vaccinazione dovrebbero essere soggetti gli over 60 se non addirittura gli over 50.

18 novembre 2021

Ed anche per questa terza sessione di Coronavirus in Repubblica Ceca abbiamo toccato il primo picco: 22.000 contagi in un giorno. E oggi il governo ha reagito.

  • Da lunedì non valgono più i test antigenici e PCR per entrare in bar e ristoranti, per andare dal parrucchiere, al cinema e eventi vari. I test valgono se dovete andare in ospedale o ricevere cure termali.
  • Possono ancora usare i test coloro che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino e coloro ai quali il vaccino è stato sconsigliato perché potrebbe davvero avere esiti peggiori della malattia (io ne ho uno in casa).
  • I test divengono obbligatori sul lavoro e a scuola. Per tutti.

10 novembre 2021

Ieri 14 mila nuovi casi, ottima media. Il governo uscente ha annunciato le seguenti restrizioni e agevolazioni a partire da lunedì 15.

  • Test obbligatorio per tutti gli operatori sanitari che lavorano nelle terapie intensive e non sono vaccinati (buongiorno principessa).
  • Mascherine obbligatorie nelle università per lezioni con più di 50 studenti.
  • II ministero della Sanità dovrebbe pagare i vaccini degli stranieri che risiedono da lungo tempo nella Repubblica Ceca legalmente (ovvero sono registrati alla polizia per stranieri e hanno un’assicurazione che non copre la puntura).
  • Ricordiamo che il lockdown può essere introdotto solo con lo stato di emergenza (che attualmente non c’è) e lo stato di emergenza deve essere approvato dal governo. Il governo Babiš di cui Vojtěch è parte termina il suo mandato l’8 novembre, dopodiché dovrà essere nominato un nuovo governo.

4 novembre 2021

  • In relazione al peggioramento del quadro epidemiologico, il ministro della Salute Adam Vojtěch ha informato che solo persone in possesso di Green Pass o di test PCR potranno partecipare a eventi con più di 1.000 persone. Non sarà consentito invece l’ingresso a chi si presenta con un test antigenico.
  • In vista della stagione invernale, sarà introdotto l’obbligo di poter far ingresso alle stazioni sciistiche solo se muniti di green pass o test negativo (PCR o antigenico).
  • Vojtěch ha dichiarato che la vaccinazione obbligatoria non è contemplata, così come non dovrebbero esserci lockdown anche se “è necessaria la collaborazione dei cittadini”.
  • Ricordiamo che il lockdown può essere introdotto solo con lo stato di emergenza (che attualmente non c’è) e lo stato di emergenza deve essere approvato dal governo. Il governo Babiš di cui Vojtěch è parte termina il suo mandato l’8 novembre, dopodiché dovrà essere nominato un nuovo governo.
  • In entrambe le giornate del 3 e del 4 novembre la Repubblica Ceca ha registrato oltre 9.000 nuovi casi di SARS-CoV-2.

30 ottobre 2021

Il ministero della Salute della Repubblica Ceca ha annunciato che da lunedì 1 novembre 2021 i test preventivi per il COVID-19 non saranno più coperti dall’assicurazione sanitaria pubblica. Il prezzo massimo per ciascun testa sarà di 814 CZK per un PCR e 201 CZK per un antigenico.

Solo alcune categorie potranno ancora avere test gratuiti coperti dal sistema sanitario. Nello specifico, ne avranno diritto:

  • tutti coloro che non si sono potuti vaccinare per motivi di salute
  • tutti coloro a cui il test è stato prescritto dal medico di base
  • bambini fino ai 18 anni di età
  • persone vaccinate (almeno con una dose)

21 ottobre 2021

Data l’attuale situazione epidemica, il governo ha approvato nuove misure. Dal 25 ottobre ci sarà una leggera espansione delle situazioni in cui è necessario utilizzare un respiratore FFP2.

Riguarderà eventi di massa e in parte luoghi di lavoro.

I respiratori saranno sempre obbligatori per gli eventi svolti all’interno, indipendentemente dal numero di partecipanti. Finora, le restrizioni si applicavano agli eventi da 10 persone in su. Non sarà necessario indossare un respiratore sul posto di lavoro solo se il lavoratore è solo.

Da novembre, la validità dei test PCR passerà da 7 giorni a 72 ore e per i test antigenici da 72 ore a 24 ore. I test preventivi saranno rimborsati a gruppi limitati della popolazione.

Oltre a questo, entra in vigore l’obbligo per i gestori di bar e ristoranti di controllare che gli avventori siano muniti di un covid-certificato (test negativo, conferma di aver avuto la malattia, green pass).

Tutte le notizie

LINK UTILI CORONAVIRUS IN REPUBBLICA CECA

WORLDOMETER – andamento della situazione nella Repubblica Ceca

COMUNICAZIONI UFFICIALI

MINISTERO SALUTE CECO – https://www.mzcr.cz/
AMBASCIATA D’ITALIA IN REPUBBLICA CECA

MAPPE E SITUAZIONE CORONAVIRUS IN REPUBBLICA CECA


Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca? Metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.
Da quasi un decennio siamo al servizio della comunità italiana in Repubblica Ceca. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi premiare il nostro impegno, ti chiediamo un piccolo contributo per sostenere il progetto di italia praga one way.

Puoi donare usando qualsiasi carta di pagamento. Un paio di birre ce le saremo meritati, no? 🙂

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version