Repubblica Ceca, un paese dove crescere i propri figli

La Repubblica Ceca è un paese perfetto per mettere su famiglia

Secondo uno report della HBSC (Health Behaviour in School-aged Children) la Repubblica Ceca è ai primi posti nella classifica dei paesi al mondo considerati come i migliori in cui formare una famiglia e crescere i propri figli.

Lo certifica uno studio basato su ben nove indicatori

Lo studio è basato su nove fattori divisi in tre categorie: vita sociale, tolleranza e rapporto con il partner per la sfera relazionale; qualità dell’istruzione, assistenza all’infanzia e costo dei figli per quanto riguarda i servizi per i più piccoli; infine, non mancano all’analisi qualità della vita, salute e integrazione dei bambini nella società.

>>ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK ITALIANI IN REPUBBLICA CECA<<

Cosa rende la Repubblica Ceca un posto perfetto per crescere dei bambini?

C’è poco da stupirsi riguardo agli ottimi risultati, considerando le agevolazioni garantite ai neo-genitori in Repubblica Ceca dallo Stato.

I diritti dei genitori in Repubblica Ceca: a mamme e papà spettano soldi e giorni di congedo

Oltre al normale periodo di maternità della durata di 28 settimane (“mateřská dovolená”), uno dei due genitori può scegliere se richiedere o meno il “rodičovská dovolená”, un congedo parentale la cui durata può variare da due a quattro anni, così come varia la somma di denaro elargita dallo Stato a seconda del periodo richiesto:

  • 11.400 CZK al mese per due anni
  • 7.600 CZK al mese per tre anni (sette anni in caso di disabilità del bambino)
  • 3.800 CZK al mese per quattro anni

In questo modo i bambini possono più facilmente godere della presenza di uno dei due genitori per molto tempo durante la primissima infanzia.

L’Italia è ancora una volta fanalino di coda

Brutta figura per l’Italia, collocatasi solo al 32esimo posto, ossia nella parte bassa della classifica (lo studio prendeva in considerazione solo 45 paesi).

Articolo precedenteIstituto di Cultura: Settimana della Lingua Italiana nel Mondo
Articolo successivoComunicato Ambasciata: L’Abruzzo guarda alla Repubblica Ceca
La principessa | Torinese di nascita, è fuggita dal Regno di Sardegna perché perseguitata dalle guardie del Re: la famiglia Savoia non le perdonò mai un tentativo di colpo di Stato che comunque andò a vuoto. Aveva parcheggiato la propria Fiat 600 di fronte al Palazzo Reale, indossando la maschera della Principessa Leila e reclamando il potere nel nome del sangue blu che scorrerebbe nelle sue vene. Una volta scoperta e incastrata, dovette fuggire in Cechia, dove si nascose nel castello del Principe Nedvěd di Boemia, con il quale condivideva la stessa fede calcistica. È stata spesso vista nel centro di Praga mentre cercava di ordinare un trdelník. Per italia praga one way scrive articoli di malcostume in cambio di nakládaný hermelín con le brusinky.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.