22.7 C
Prague
mercoledì, Giugno 19, 2019

Home Notizie Dalle istituzioni Praga: ministro Franceschini a Praga, cultura base della diplomazia

Praga: ministro Franceschini a Praga, cultura base della diplomazia

“La cultura è una delle basi portanti dei rapporti tra le nostre nazioni, già buonissimi in diversi settori e i rapporti secolari tra Italia e Boemia testimoniano come la conoscenza dell’altro sia la migliore arma di cui la diplomazia europea ed internazionale dispone”

Lo ha detto ieri ministro dei Beni e delle attività culturali italiano Dario Franceschini durante la sua visita a Praga. Il ministro si trovava nella capitale ceca per assistere alla presentazione dello stato di avanzamento dei lavori della Cappella dell’Assunzione della vergine Maria (Vlašská Kaple), di proprietà dello stato italiano.

Franceschini ha spiegato che in futuro la cooperazione a livello culturale dovrà essere ulteriormente approfondita. Successivamente, durante la sua visita all’Istituto italiano di cultura (IIC), Franceschini ha ribadito spiegato che gli IIC svolgono un grande lavoro di diplomazia, aggiungendo che è in fase di discussione una legge per aumentare il budget degli IIC in futuro.

Durante la visita, il ministro è stato accompagnato dall’ambasciatore italiano a Praga, Aldo Amati, dal direttore dell’Istituto di cultura italiana Giovanni Sciola, dal cardinale Dominik Duka e dall’esarca uniate della Repubblica Ceca Ladislav Hučko. La visita prevedeva, oltre alla visita alla Vlašská kaple,  l’inaugurazione, all’Istituto, della mostra “La Congregazione Italiana di Praga. Una storia secolare”, dove sono presentati preziose opere d’arte e documenti di archivio per la prima volta esposti al pubblico.

L’ambasciatore Amati durante la visita alla cappella ha ricordato come i rapporti tra Italia e Repubblica Ceca vantino una tradizione di 400 anni. La cappella e l’ospedale degli italiani, ora divenuto sede dell’Istituto di cultura, sono due simboli delle buone relazioni che intercorrono tra i nostri paesi. Amati ha ribadito che la probabile data di riapertura al pubblico della cappella è prevista per il mese di agosto e che molto probabilmente sarà gestita dall’esarcato ceco. L’opera di restauro sarà completata dagli esperti della Ahrcos, azienda italiana specializzata in restauro di edifici storici diretta da Alessandro Battaglia.

La presentazione dello stato di avanzamento dei lavori di restauro della Cappella si tiene in concomitanza con il 400ma anniversario della consacrazione della chiesa barocca di San Carlo Borromeo, nel complesso architettonico dove oggi ha sede l’Istituto Italiano di Cultura.

La cappella, un edificio di forma ovale manierista con cupola, fu costruita tra il 1590-1597, disegnata per le esigenze della comunità italiana a Praga, che già al tempo era molto numerosa. Di fatto la cappella, chiusa da 20 anni a causa della precaria condizione strutturale, è proprietà della Repubblica Italiana, elemento che ha complicato molto il processo di restauro, per motivi sia burocratici di coordinamento tra Italia e ČR, che logistici, dovuti alla distanza.

Il primo progetto di recupero era stato presentato nel 2005 dall’allora ambasciatore Radicati, solo con Amati tuttavia i lavori hanno avuto inizio. I costi delle operazioni sono ancora da definire, le stime parlano di 900 mila euro. Alle operazioni contribuiscono (SIAD, Ahrcos, PSN, Univerzální stavební, Generali e Brembo).

Per motivi non del tutto certi, fino al 1700 l’Italia, in ceco e in altre lingue slave, era chiamata “Vlaskie”, e gli italiani “Vlachové”, da qui deriva il nome ceco della Vlašská kaple, di via Vlašská a Malá Strana e di Vlašský Dvůr a Kutná Hora. In polacco ancora oggi l’Italia è chiamata “Włochy”.

Fonte – AgenziaNova


Tiziano Marascohttp://www.tizianomarasco.com
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Must Read

Jiřího z Poděbrad: Praga 3 pianifica modernizzazione della piazza

La piazza Jiřího z Poděbrad sarà sottoposta a lavori di modernizzazione per renderla più user-friendly. L'obiettivo, che riprende un progetto di ristrutturazione del 2000, è...

Vita studentesca: approvato progetto per nuovi tram verso Strahov

Il consiglio comunale di Praga ha approvato una settimana fa la costruzione di nuovi binari del tram per lo stadio di Strahov e l'omonimo...

Nave Italia 2019: l’iniziativa che porta bimbi cechi in Sardegna

Nave Italia - un ponte di solidarietà dalla Repubblica Ceca all’Italia per i 100 anni delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi È stata presentata...

Perché la Repubblica Ceca ha le centrali nucleari?

Dato il gran parlare che si è fatto nell'ultimo periodo della miniserie televisiva sul disastro di Chernobyl riteniamo sia giusto affrontare l'argomento delle centrali...

Aire: cambiano le regole di iscrizione

Le regole di iscrizione all’Aire sono cambiate. Ora l'iscrizione all'Aire decorrerà dal momento in cui si presenterà la domanda presso consolato/ambasciata di riferimento e non...