Home Notizie Attualità Schengen: diario riapertura dei confini

Schengen: diario riapertura dei confini [aggiornamento progressivo]

Pubblichiamo questo articolo in costante aggiornamento sulla riapertura dei confini Schengen tra Repubblica Ceca e altri stati europei

Se sapete il ceco e volete controllare real time la situazione delle riaperture dei confini Schengen, potete consultare questa mappa interattiva

15 settembre

  • Necessario test (o quarantena di 5 giorni) per ingresso in Slovacchia
  • Olanda dispone quarantena di 10 giorni per chi si torna da Praga
  • Cipro chiude ai turisti cechi

Worldometers della Repubblica Ceca per il 14 settembre

14 settembre

Il peggioramento della situazione epidemiologica complica i viaggi dei cechi nell’area Schengen. Il numero di persone infette sta crescendo sei volte più velocemente che nella vicina Germania.
  • La Svizzera introduce la quarantena per i cechi da oggi
  • I turisti cechi non sono ammessi in Finlandia e Danimarca
  • I cechi possono andare in Ungheria solo se hanno prenotato un soggiorno
  • Chi proviene da Praga deve fornire un test negativo in Germania e Belgio
  • I cechi possono andare in Grecia solo via aerea
  • La Slovacchia probabilmente escluderà oggi la Repubblica Ceca dai paesi sicuri

10 settembre

  • Germania e Belgio hanno inserito la regione di Praga nelle zone a rischio, quindi se vogliamo andarci ci serve un test negativo di max. 48 ore prima oppure quarantena. Vale solo per la regione di Praga, quindi ci spiace molto per la sezione Brno che questo giro non ha nulla di cui lamentarsi.
  • Sta storia dell’Ungheria la riassumiamo con “il primo settembre hanno chiuso completamente i confini e 5 giorni dopo li hanno riaperti a tutti i turisti perché si son accorti che a fine mese c’è la finale di supercoppa europea a Budapest e devon vendere i biglietti”. Fate conto che stasera a Budapest recuperano una partita di Europa league rinviata per Covid 2 settimane fa. Una partita tra una squadra estone e una squadra slovena però.

7 agosto

In ragione dei vari cambiamenti degli ultimi giorni pubblichiamo una mappa aggiornata e comprensiva di Stati non appartenenti all’area Schengen.europa ampia

12 giugno

  • Dal 15 giugno dovrebbe essere riaperto completamente la circolazione Schengen tra Repubblica Ceca e Italia. Il ministro degli Esteri ha ridisegnato i parametri di circolazione dei cittadini cechi, quindi si può andare dovunque nell’UE tranne che in Svezia e Portogallo. Da lunedì la situazione sarà più o meno questa. Fonte-Rozhlas

Dal 16 Austria e Slovenia dovrebbero riaprire completamente i confini con l’Italia

COLLEGAMENTI CON L’ITALIA

  • Diverse compagnie aeree hanno in programma il ripristino di voli diretti con l’Italia. Su precisa richiesta di questa Ambasciata, Alitalia ha fatto sapere di non prevedere voli per il mese di giugno. Ad oggi sono disponibili solo soluzioni con partenza da Praga e scalo in Paese terzo.
  • L’Agenzia Profi Taxi (martinkubin.osobni@gmail.com) offre trasporti via terra verso Monaco e Verona.
  • Sono riaperte le frontiere con la Germania, da cui sono operativi collegamenti aerei con l’Italia.

5 giugno

  • Completa riapertura dei confini (livello Schengen) tra Repubblica Ceca, Austria, Slovacchia e Ungheria.
  • Repubblica Ceca apre completamente i confini con la Germania. Berlino non ricambia.
  • La Repubblica Ceca riapre gli aeroporti a tutti i voli provenienti dall’UE (ma i controlli restano).
  • UE dovrebbe decidere della riapertura dei propri confini interni ed esterni il 15 giugno.

La situazione attuale, al netto di aperture in altri Stati, è questa qui. Teniamo conto che la Svezia non ha mai chiuso i propri confini.

3 giugno

  • Da mezzanotte riapertura dei confini tra Repubblica Ceca e Slovacchia completa e reciproca, niente più controlli al passaggio da un paese all’altro.
  • Da mezzanotte l’Austria riapre i confini con la Repubblica Ceca e tutti gli altri paesi confinanti (Slovenia, Ungheria, Slovacchia, Germania, Svizzera, Lichtenstein) esclusa l’Italia. Il premier austriaco Sebastian Kurz ha dichiarato che Vienna potrebbe approvare la riapertura delle frontiere con l’Italia il 15 giugno.

1 giugno

Governo approva riapertura dei confini con il cosiddetto metodo del semaforo. I paesi europei vengono divisi in “sicuri”, “mediamente sicuri” e “a rischio”.

  • Nel caso di provenienza da un paese a rischio (rosso) tutti (cechi, stranieri residenti e stranieri) devono presentare un test negativo al COVID-19 all’ingresso nella ČR.
  • Nel caso di provenienza da un paese mediamente a rischio (giallo), il test negativo al COVID-19 deve essere presentato solo dagli stranieri non residenti.
  • Libertà completa per i paesi sicuri (verdi).

La proposta deve passare in parlamento e quindi tutto può cambiare. Se nulla accade, dal 15 giugno si seguirà la divisione degli Stati, come proposta dal ministro degli Esteri Tomáš Petříček.

30 maggio

Ministro Esteri Tomáš Petříček annuncia riapertura completa confini con 7 Stati. Slovenia, Croazia, Ungheria, Austria, Germania, Grecia e Bulgaria. La riapertura dovrebbe partire dal 15 giugno.

28 maggio

Croazia annuncia riapertura dei confini con 10 Stati dell’UE: Slovenia, Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca, Austria, Germania, Polonia e repubbliche baltiche.

27 maggio

Riapertura dei confini tra Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria. È possibile viaggiare tra i paesi senza la necessità di presentare un test negativo per covid-19 e senza quarantena se si tornano nel paese di origine entro 48 ore. Il premier ceco Andrej Babiš ha detto che ci saranno comunque controlli di frontiera, operati dagli agenti di polizia slovacchi. Alla frontiera, i cittadini cechi potrebbero ricevere una conferma dell’orario di ingresso nel territorio slovacco e successivamente dimostrare l’orario di uscita al ritorno. La stessa opzione sarà disponibile per viaggiare in Ungheria.

Il Ministro della Sanità Adam Vojtěch ha dichiarato che il governo sta lavorando sull’allentamento generale dei controlli, dividendo sempre i paesi in “rischiosi” e “non rischiosi”. La Repubblica Ceca potrebbe quindi non effettuare test alle persone che torneranno da paesi non rischiosi. Vojtěch originariamente ha parlato del fatto che un tale rilassamento del regime di frontiera dovrebbe aver luogo l’8 giugno.

I test potrebbero essere definitivamente abbandonati, per quanto riguarda Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia ed Austria, a partire dal 15 giugno.

26 maggio – Riapertura dei confini cechi, permanenza entro 72 ore

I cittadini UE e gli extracomunitari con residenza a lungo termine nell’UE possono entrare in Repubblica Ceca per un massimo di 72 ore per lavoro o per motivi familiari. Devono presentare un test negativo al COVID-19 e indicare l’indirizzo nel quale  soggiornano.

In caso di motivi familiari, solo gli stranieri con evidenti legami familiari nella Repubblica Ceca, incluso un partner di vecchia data, saranno fatti entrare nel Paese.

Ulteriore esenzione dal divieto di ingresso degli stranieri saranno i cittadini dell’UE che arrivano in Repubblica Ceca per studiare all’università, e i lavoratori dell’industria alimentare con visto ceco valido dall’11 maggio. Anche questi devono fornire un test negativo al Covid.

Altro nella sezione Notizie


LINK UTILI CORONAVIRUS

COMUNICAZIONI UFFICIALI

MINISTERO SALUTE CECO – https://www.mzcr.cz/obsah/2020_4107_1.html
AMBASCIATA D’ITALIA IN REPUBBLICA CECA

MAPPE E SITUAZIONE DEL CONTAGIO

 


Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca? Metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Tiziano Marascohttp://www.tizianomarasco.com
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Vannucci: consapevoli e attenti alle regole per evitare un nuovo lockdown

Dato che i numeri in relazione al Coronavirus sono quelli che sono, abbiamo intervistato di nuovo Luca Vannucci (qui interviste precedenti), direttore del Laboratorio di Immunoterapia...

Tram T3: i mezzi “immortali” di Praga rimarranno attivi per altri vent’anni

La DPP ha recentemente confermato che i leggendari tram T3, in circolo dal secolo scorso, continueranno a essere utilizzati nei prossimi decenni. Se avete trascorso...

Seconda ondata: tutte le novità [aggiornamento costante]

Perché se fai 2.000 contagi in un solo giorno mentre in primavera non si è mai arrivati nemmeno a 400, sarà il caso di...

Apple Store: no, non è vero che arriverà a Praga

Un tweet di Babiš ha fatto dilagare la notizia della prossima apertura di un Apple Store a Praga, ma leggendo meglio si scopre il...
Close