TM

Trasmettiamo il comunicato dell’IIC relativo al lancio del razzo Vega VV16

L’epidemia non ferma l’Italia e la Repubblica Ceca che ripartono insieme nel settore aerospaziale con il lancio del razzo Vega VV16, avvenuto con successo nella notte dalla base europea di Kourou in Guyana francese. La missione di Vega VV16 si è conclusa con
successo 2 ore e 4 minuti dopo il decollo, con la messa in orbita di 53 piccoli satelliti prodotti da 13 Paesi.

Adv Inline

Questi satelliti, in base alla crescente richiesta da parte dell’utenza istituzionale e commerciale, saranno utilizzati per molteplici applicazioni, tra cui l’osservazione della Terra, le telecomunicazioni, la scienza, la tecnologia e l’educazione.

La distribuzione a grappolo di un cospicuo numero di satelliti è stata resa possibile grazie alla piattaforma SSMS, prodotta a Brno nello stabilimento della S.A.B. Aerospace, controllata ceca della omonima società italiana di Benevento. Abbassamento dei costi e alto numero di mini satelliti ne garantiscono il successo.

Come ha sottolineato l’Ambasciatore Francesco Saverio Nisio: “La collaborazione italoceca nel settore aerospaziale sta dando risultati straordinari su cui intendiamo insistere per
ampliarne la portata. In particolare stiamo lavorando all’organizzazione di un Business Forum in occasione della sesta edizione della giornata italo-ceca dell’aerospazio. Compatibilmente con la situazione della pandemia si dovrebbe svolgere in Repubblica ceca prima della fine dell’anno”.

Tutti i comunicati dalle istituzioni


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Adv Bottom
Articolo precedenteCalo dell’economia ceca: forse il peggio è passato
Articolo successivoTrasporti pubblici: a Praga corse ridotte per la stagione autunnale
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.