6.2 C
Praga
TM Ads

Altra Praga: il castello colorato di Chodov

Date:

Share:

- FM Ads -

Arrivando a Praga sulla D1, avete mai notato quell’edificio a forma di castello per bambini colorato e scintillante?

Ebbene, il castello è in realtà l’archivio di stato ceco, progettato dall’architetto Iva Knappová.

La prima pietra fu posata il 20 ottobre 1992. Il 3 gennaio 1995 i documenti iniziarono ad essere spostati e alla fine del 1998 si contò che 64.617 miliardi di materiale d’archivio era stato trasferito (trasportato con 1.565 camion). Il 16 gennaio 1995 furono messe in funzione due camere di disinfezione, utilizzate principalmente per sterilizzare archivi infestati da muffe. L’archivio venne aperto al pubblico nel 2001.

A prima vista, il monolite richiama l’attenzione con la sua forma non convenzionale e le insolite facciate colorate, caratterizzate da piastrelle di ceramica e linee decise. Alla parte dell’ufficio principale, con spazi per il pubblico, segue quella con i depositi.

- TM Ads -

Il problema dello spazio era diventato critico già a cavallo tra gli anni 80 e 90, quando l’archivio aveva esaurito tutti gli edifici a disposizione. Nel 1991 l’archivio di stato si trovava in un totale di 19 immobili: 11 a Praga e 8 fuori.

Quindi si pensò di progettare uno stabile grande a sufficienza per ospitare sia tutti gli archivi già esistenti, più quelli futuri.

Il nuovo edificio doveva unire tutti i luoghi di lavoro distaccati esistenti e offrire loro confortevoli spazi moderni per gli archivi, il loro restauro e la ricerca, nonché per attività di ricerca, esperti e pubblico in generale.

Leggi anche Quartieri di Praga: la guida definitiva


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

- FM Ads -
Marci Muchomůrka
Marci Muchomůrka
La papessa | Ameba cittadina del mondo. Proviene dalla città eterna ma sogna di stabilirsi in Kyrgyzstan per aprire un import-export di olivello spinoso. Prima di trapiantarsi a Praga ha fatto l'interrail dei luoghi più piovosi d'Europa, che comincia in Irlanda, passa dai Carpazi e finisce a Udine. Nel frattempo, per Italia Praga One Way scrive di temi e luoghi che non interessano a nessuno, ricevendone come guiderdone 1L di succo di zenzero e curcuma ogni mese.
FM Ads

━ more like this

CS IIC: “Sardegna, un’emozione da vivere tutto l’anno”

Si trasmette il comunicato stampa dell’Istituto italiano di cultrura (IIC) a Praga relativo a un ciclo di iniziative con i tour operator dell’Europa centrale...

CS IIC: “lo spazio incontra la cultura”, workshop su come scoprire e preservare il patrimonio culturale dallo spazio

Si trasmette il comunicato stampa dell'Ambasciata d'Italia a Praga relativo al workshop "Lo spazio incontra la cultura", svoltosi all'Istituto italiano di Cultura di Praga...

CS ICC: “Spirito di pace”, personale del Maestro Giorgio Celiberti per il giorno della memoria

Riportiamo il comunicato stampa dell’Istituto italiano di cultura (IIC) sulla mostra personale del Maestro Giorgio Celiberti per il giorno della memoria. Nel quadro delle commemorazioni...

Altra Praga: la casa del suicida e la casa della madre del suicida

Il monumento "Casa del suicida e Casa della madre del suicida" è dedicato a Jan Palach e a sua madre Libuše Palachová. L'installazione Casa del suicida...

L’altra Praga: Palazzo Desfours

A prima vista, Palazzo Desfours sembra un palazzo qualsiasi in stile neoclassico. Ma è dietro quell'austera facciata che si nascondono interni magnificamente decorati. Palazzo Desfours...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.