11.1 C
Praga
TM Ads

Brno: Memoriale ai Carbonari italiani

Date:

Share:

- FM Ads -

Il memoriale ricorda la significativa resistenza internazionale dei Carbonari italiani contro l’Impero Austriaco.

Il monumento è dedicato ai Carbonari italiani imprigionati nel castello di Špilberk negli anni 1823-1845.

Venne installato nell’Ottobre del 1925 dal comitato di Brno Dante Alighieri e dal 1958 fa parte dei monumenti storici e culturali protetti.

Il memoriale è costituito da una lapide verticale di travertino che si innalza da una base in pietra. Ai lati della lapide sono presenti due piccole colonne, ognuna delle quali regge un vaso di fiori in bronzo.

- TM Ads -

Sulla parte frontale superiore della lapide il rilievo in bronzo ritrae la Lupa Capitolina, che allatta Romolo e Remo. Sulla parte inferiore sono presenti alcune iscrizioni in rilievo, tra cui i nomi dei carbonari morti.

Gli autori furono l’architetto Mario Stanich-Sardi e lo scultore Dino Somà.

Il monumento originale aveva elementi fascisti, come due fasci littori ai lati e teste d’aquila di bronzo sui vasi dei fiori. Durante un restauro degli anni 90 si decise di eliminarli.

Il movimento per la liberazione dell’Italia ebbe origine nel 1808. A quel tempo il paese era frammentato e Francia e Austria ne condividevano il controllo. I membri delle associazioni rivoluzionarie segrete si incontrarono con i minatori di carbone, da cui presero il nome. Molti Carbonari, arrestati dalla polizia austriaca, vennero condotti nel più crudo carcere austriaco, lo Špilberk.

Per chi ancora non lo sapesse: Silvio Pellico fu incarcerato qui nel 1822, dove rimase per 9 anni e da dove scrisse la sua opera più famosa “Le mie prigioni”.

Leggi altro su Brno (non solo villa Tugendhat)


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

- FM Ads -
Marci Muchomůrka
Marci Muchomůrka
La papessa | Ameba cittadina del mondo. Proviene dalla città eterna ma sogna di stabilirsi in Kyrgyzstan per aprire un import-export di olivello spinoso. Prima di trapiantarsi a Praga ha fatto l'interrail dei luoghi più piovosi d'Europa, che comincia in Irlanda, passa dai Carpazi e finisce a Udine. Nel frattempo, per Italia Praga One Way scrive di temi e luoghi che non interessano a nessuno, ricevendone come guiderdone 1L di succo di zenzero e curcuma ogni mese.
FM Ads

━ more like this

CS IIC: “Sardegna, un’emozione da vivere tutto l’anno”

Si trasmette il comunicato stampa dell’Istituto italiano di cultrura (IIC) a Praga relativo a un ciclo di iniziative con i tour operator dell’Europa centrale...

CS IIC: “lo spazio incontra la cultura”, workshop su come scoprire e preservare il patrimonio culturale dallo spazio

Si trasmette il comunicato stampa dell'Ambasciata d'Italia a Praga relativo al workshop "Lo spazio incontra la cultura", svoltosi all'Istituto italiano di Cultura di Praga...

CS ICC: “Spirito di pace”, personale del Maestro Giorgio Celiberti per il giorno della memoria

Riportiamo il comunicato stampa dell’Istituto italiano di cultura (IIC) sulla mostra personale del Maestro Giorgio Celiberti per il giorno della memoria. Nel quadro delle commemorazioni...

Altra Praga: la casa del suicida e la casa della madre del suicida

Il monumento "Casa del suicida e Casa della madre del suicida" è dedicato a Jan Palach e a sua madre Libuše Palachová. L'installazione Casa del suicida...

L’altra Praga: Palazzo Desfours

A prima vista, Palazzo Desfours sembra un palazzo qualsiasi in stile neoclassico. Ma è dietro quell'austera facciata che si nascondono interni magnificamente decorati. Palazzo Desfours...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.