Holešovice - Štvanice
Holešovice visto da Štvanice - foto di Aktron / Wikimedia Commons https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Praha,_Hole%C5%A1ovice,_%C5%A0tvanice,_pohled_k_Pra%C5%BEsk%C3%A9_tr%C5%BEnici_II.JPG
TM

Un ponte per pedoni e ciclisti unirà Holešovice e Karlín passando attraverso l’isola di Štvanice. La costruzione inizierà nel 2021.

Il ponte pedonale dovrebbe essere lungo 38 metri da Karlín e Štvanice e altri 149 metri tra Štvanice e Holešovice. Sulla riva di Holešovice il ponte dovrebbe partire da Bubenské nábřeží di fronte all’ingresso della Pražská tržnice. A Karlín il ponte terminerà in Rohanské nábřeží.

Adv Inline

I lavori dovrebbero essere completati nel 2022 e i costi dovrebbero aggirarsi intorno ai 200 milioni di corone. La città prevede di investire altri 200-500 milioni di corone per fare altri lavori sull’isola di Štvanice.

Per quanto riguarda l’isola di Štvanice, la città ha indetto un concorso per scegliere il miglior progetto di rivitalizzazione dell’isola. Tra gli obiettivi figurano riparazioni a Hlávkův most (quello coi tram) e caffè Fuchs. In futuro, dovrebbe essere costruito un parco sulla riva Karlín della Moldava.

Il primo concorso per la realizzazione di un ponte pedonale tra Karlín e Holešovice è stato indetto per la prima volta da Praga 7 nel 1999. La gara ha anche avuto un vincitore, ma il progetto non è stato realizzato perché, dopo le inondazioni del 2002, sono cambiati gli standard di sicurezza. Ora Karlín e Holešovice sono collegati da un traghetto.

Tutti gli articoli sulla Vita Praghese


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Adv Bottom
Articolo precedenteQuote migratorie: questione di superficialità
Articolo successivoRegionali 2020: il riassuntone
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.