Home Notizie Attualità Architektura 489: il gruppo che difende l'architettura socialista

Architektura 489: il gruppo che difende l’architettura socialista

Un gruppo chiamato di giovani attivisti chiamato Architektura 489 da tempo si sta impegnando per portare l'attenzione sui "tesori dimenticati" dell'architettura socialista cecoslovacca.

Un gruppo di giovani attivisti chiamato Architektura 489 da tempo si sta impegnando per portare l’attenzione sui “tesori dimenticati” dell’architettura socialista cecoslovacca. L’obiettivo chiaro di riconoscere i meriti dell’architettura socialista è connesso anche alla costruzione della linea metropolitana D, i cui lavori dovrebbero iniziare nei prossimi anni, tuttavia l’attività del gruppo riguarda tutta la Repubblica Ceca.

Niente paneláky però, almeno per ora. Architektura 489 ha aperto un sito web (in continuo aggiornamento) nel quale sono elencate 204 strutture costruite tra gli anni 1948-1989, con tanto di mappa interattiva che localizza le strutture nella Repubblica Ceca. La maggior parte ovviamente si trova a Praga. Fuori dalla capitale, figurano invece, ad esempio, la latteria di Strakonice, il teatro di Most, il centro commerciale Uran a Česká Lipa e il Padiglione fieristico di Brno.

Venendo a Praga, i luoghi più interessanti sono il sottopassaggio pedonale in Piazza Venceslao, che collega via Jindřišská e Vodičkova e funge anche da ingresso alla stazione della metropolitana Můstek (tra l’altro, tutta la metro praghese è stata costruita durante il socialismo). Si aggiungono poi il Kotva e l’hotel Jalta, l’hotel Continental e il Dům českého a moravského svazu výrobních družstev družba, sul cui tetto sorge il Duplex.

L’attività di Architektura 489 è dare risalto al valore architettonico degli edifici, di rivitalizzare alcune zone (come il sottopasso di Jindřišská) e salvarne altre dalla demolizione prevista, ad esempio, in ragione della nuova costruzione della metro D.

Tiziano Marascohttp://www.tizianomarasco.com
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Landscape Festival 2020 – Nuove visioni a Žižkov

Da qualche settimana sono in mostra nuove figure in angoli nascosti e le installazioni, disposte nella maniera più varia, resteranno in piedi fino alla...

Recessione: il Pil ceco potrebbe calare del 7,5% nel 2020

Gli esperti prevedono un calo del PIL tra il 7,5 e l'8% durante la recessione, con il rischio che questo numero raggiunga le due...

Idraulico a Praga: Eco idraulica system

Di un idraulico prima o poi abbiamo bisogno tutti, se ne troviamo uno italiano va anche meglio. Presentiamo quindi la società Eco idraulica system. Eco...

Misure anti-crisi: 1.150 miliardi di corone spese per l’emergenza covid

Per far fronte all'emergenza covid sono state usate più di 1.000 miliardi di corone. Gli esperti però criticano l'operato del governo: le misure anti-crisi...
Close