Babiš
Foto - Jiři Sedláček, own work, https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Billboard_for_Andrej_Babi%C5%A1_with_handwritten_text_%22Babi%C5%A1_steals%22_at_Regional_elections_in_Czechia_in_2016_in_T%C5%99eb%C3%AD%C4%8D,_T%C5%99eb%C3%AD%C4%8D_District.jpg

Difficile che uno straniero emigrato in Repubblica Ceca sappia chi sia Andrej Babiš in questo momento.

Cosa naturale e giusta, dato che attualmente non si è reso protagonista di gesta degne di nota a chi in questo paese vive come ospite. Ad ogni modo, Babiš un imprenditore slovacco con passaporto ceco, proprietario della società Agrofert, e anche qui non c’è nulla di eclatante.Tra l’altro, è il secondo uomo più ricco della nazione.

Due anni fa inoltre ha fondato un’associazione dal nome ANO 2011, e va bene, non ridete, “ano” in ceco ha l’accento sulla “o” e vuol dire “sì”, come probabilmente sapete tutti. Comunque  questa sigla sta per Akce Nespokojených Občanů, che significa “Azione dei cittadini insoddisfatti“, come probabilmente non sapete ma potreste sapere se Google Translate ne imbroccasse una ogni tanto.

In ogni caso questo movimento è diventato un partito lo scorso maggio, un partito che dopo lo scioglimento del governo di inizio agosto ha dichiarato di voler concorre alle prossime elezioni come formazione di destra moderata.

La cosa sarebbe pure meritoria, non fosse che Babiš è già stato inquisito un paio di volte e per vario motivo. Non fosse che il nostro tramite la Agrofert ha comprato pochi giorni fa la casa editrice Mafra e tramite essa Dnes, Lidové Noviny e Metro (i tre quotidiani più letti in Repubblica Ceca). In altre parole quest’uomo ha l’informazione stampata ed informatica ai suoi piedi. Gli mancano le televisioni.

Se vi viene in mente qualcuno, io non faccio nomi, anzi, altrimenti poi mi si taccia di sputare nel piatto in cui mangio (e da boemista non ne ho il diritto, anche se ne ho la competenza). Tra l’altro Babiš si è comportato molto bene come investitore principale della ottima Česká pozice, che probabilmente è il miglior sito che fa approfondimento di informazione in tutta la Repubblica Ceca.

Io di principio sono un buono e credo nella bontà umana. Non sono a priori contro questa gente in politica ed anzi sapendo che i cechi sono scettici, non prevedo vittorie a mani basse. Se poi Babiš non terrà un comportamento adamantino saranno gli stessi cechi a gabbiarlo (qui lo si fa ancora, e per davvero), come hanno già fatto con Bárta, Rath e molti altri. Certo, i precedenti non aiutano.

Altro nella sezione Vivere


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Articolo precedenteItaliani a Praga: Marcello Marchese
Articolo successivoPatrimoni Unesco cechi #1: Olomouc
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.