Home Vivere Canone radiotelevisivo in Repubblica Ceca: chi lo paga

Canone radiotelevisivo in Repubblica Ceca: chi lo paga

Così come in Italia per la RAI, anche nella Repubblica Ceca si deve pagare il canone radiotelevisivo. In questo articolo vediamo a chi tocca.

Il canone radiotelevisivo anche qui viene utilizzato per finanziare i media del servizio pubblico, la Česká televize (ČT) e il Český Rozhlas (ČRo). Dal 2008 l’importo del canone è stato fissato a 45 corone per il ČRo e 135 corone per la ČT. Ovviamente mensili. Lo pagano tutte le persone fisiche e giuridiche che possiedono un ricevitore televisivo e radiofonico.

Un ricevitore è considerato un dispositivo in grado di ricevere trasmissioni terrestri, satellitari, via cavo o IPTV. Il pagamento è quindi legato alla proprietà del dispositivo fisico, quindi non importa che il suo proprietario non guardi la televisione ceca e non ascolti la radio ceca. Tenete conto che se avete la tv e non la radio dovete pagare ANCHE il canone radio perché ČRo trasmette su digitale terrestre e quindi può essere ascoltata alla televisione. Il canone radio va poi pagato ANCHE se avete solo una macchina con l’autoradio.

Le persone fisiche inoltre pagano, mensilmente, questo importo indipendentemente da quanti ricevitori abbiano, le persone giuridiche pagano, trimestralmente, al pezzo. Vuol dire che se un’azienda ha 2 radio paga 270 corone a trimestre, se ha 2 tv paga 810 corone + 270 corone ogni tre mesi. Se invece avete 20 radio in casa, pagate solo 45 corone al mese.

Per chiedere la registrazione ci sono un ​​modulo per la ČT e uno per il ČRo, in cui il contribuente indica i dati di base, i dati di pagamento, il numero di destinatari nel caso di una persona giuridica, ecc. Si invia i moduli all’operatore, che di conseguenza invia al nuovo contribuente il variabilní symbol per i pagamenti. Quegli stessi moduli possono essere utilizzati anche per segnalare cambiamenti o per chiedere di non pagare più il canone.

La seconda opzione è quella di compilare gli stessi moduli e inviarli al proprio ufficio postale di competenza (fa fede il CAP) e pagare la quota tramite SIPO.

Chi non paga il canone radiotelevisivo

Il canone televisivo non deve essere pagato da un individuo/famiglia che non possiede un televisore. Lo stesso vale per il canone radiofonico.

Sono poi esentate:

  • persone con cecità completa o effettiva ad entrambi gli occhi e sordità completa o effettiva su entrambi gli orecchi.
  • famiglie il cui reddito non supera di 2,15 volte il reddito di sussistenza minimo (da dimostrare ogni tre mesi). Il reddito di sussistenza minimo è di 3.410 corone nette al mese per ogni membro della famiglia, quindi speriamo nessuno di voi sia esentato dal pagare il canone radiotelevisivo per questo motivo.
  • stranieri senza permesso di soggiorno permanente o indeterminato (fatelo).
  • scuole
  • sedi di rappresentanza della Repubblica Ceca all’estero.

Dispositivi di telecomunicazione alternativi

Oramai possiamo vedere la tv e ascoltare la radio anche con cellulari e computer. Dobbiamo pagare se abbiamo uno smartphone o un computer? La risposta, a sorpresa, è no.

Facciamo un giro largo ed estrapoliamo direttamente dalla legge ceca fondamentale in questa materia: la legge sul canone (legge 348/2005 Coll.). La quale al § 2 paragrafo 4 dice:

Non sono soggetti a canoni radiofonici o televisivi:
e) ricevitori radiofonici o televisivi che sono parte integrante di apparecchiature di telecomunicazioni mobili

Quindi, i computer e gli smartphone sono dispositivi di telecomunicazioni mobili, e sono quindi esclusi (cfr. anche euro.cz).

Altro nella sezione Vivere


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Tiziano Marascohttp://www.tizianomarasco.com
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

2 Commenti

  1. Grassye Furlán ;

    Questo lo chiedo, se posso, per avere letto la biografia qui :
    come mai contrastare Putín e Marozín e gli altri ?
    cosa significherebbe il “riprendersi le terre” degli austriaci ?
    = il Lombardo-Veneto ? o é altro ?
    Stä bèi alourha , a’ss sèntam 🙂
    Líbër

    • “come mai contrastare Putin”
      significa semplicemente che la prima volta che son andato in Russia sono capitato per caso in una manifestazione pro Navalnij a pochi giorni delle elezioni
      “riprendersi le terre” degli austriaci
      Se mettono il parlamento al KarlMarxHof, tutto quanto!

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Quote migratorie: questione di superficialità

La scorsa settimana il ministro dell'Interno Jan Hamáček ci ha offerto la possibilità di parlare di quote migratorie nel momento esatto in cui sono...

IIC: programma ottobre-novembre 2020

Trasmettiamo di seguito il programma degli eventi dell'Istituto italiano di cultura (IIC) per i mesi di ottobre e novembre 2020 Vista la situazione epidemiologica l'IIC...

Mostra virtuale: Enit e l’Italia. Una gran bella storia

Trasmettiamo di seguito il comunicato stampa dell'IIC sulla mostra virtuale "Enit e l’Italia. Una gran bella storia" l'Istituto Italiano di Cultura di Praga, col sostegno...

Rembrandt a Praga: inaugurata la mostra a palazzo Kinský

La mostra "Rembrandt: Il ritratto di un uomo" è stata finalmente inaugurata a Palazzo Kinský in Piazza della Città Vecchia di Praga. Dura fino...
Close