Castello di Praga
Castello di Praga - credit Italiapragaoneway.eu

Il castello di Praga, sede dei capi di stato cechi, elimina temporaneamente i controlli di sicurezza per tutti i visitatori a partire da lunedì.

Il Castello di Praga infatti, come tutti i castelli cechi, riaprirà il 25 maggio. La notizia è confermata da Vratislav Mynář, direttore dell’ufficio del presidente, e riportata da vari media.

Inoltre, tutti i locali del castello saranno aperti gratuitamente dal 29 maggio al 1 giugno.

Durante la presidenza di Zeman, si è deciso di introdurre controlli e tornelli alle entrate del castello, cosa che è risultata più un fastidio che altro.

L’intero complesso del Castello è stato chiuso il 12 marzo. Mynář ha ricordato che la decisione di non effettuare controlli di sicurezza agli ingressi del Castello è collegata ai controlli alle frontiere. I controlli erano stati introdotti in relazione a possibili attacchi terroristici, possibilità ora piuttosto remota dato che i confini sono per larga parte chiusi.

Il Castello di Praga è uno dei luoghi di interesse culturale più popolari del paese, visitato ogni anno da due milioni di persone, sia cechi stranieri. L’amministrazione del castello ha registrato una perdita finanziaria di circa 115 milioni di corone a causa della chiusura forzata dovuta alla quarantena imposta per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Tutti i comunicati dalle istituzioni


Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca? Metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Articolo precedenteAmbasciata: riprendono attività più regolari
Articolo successivoFine stato di emergenza: cosa cambia il 25 maggio
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.