Celiaci a Praga: dove mangiare gluten-free

Breve guida di sopravvivenza per turisti (e non) celiaci, ma anche per chi sceglie intraprendere una dieta senza glutine.

Viaggiare al di fuori del proprio paese non è mai facile per chi soffre di intolleranze alimentari.
La barriera linguistica e le possibili difficoltà nel trovare luoghi di ristoro che vengano incontro alle esigenze personali possono spesso risultare faticose da superare per gli avventori.

In particolare, chi soffre di celiachia deve tenere mille occhi aperti: al contrario delle credenze generali, il glutine non è solo contenuto nella pasta e nel pane, ma anche in moltissimi altri prodotti. Uno di questi è la birra, che a Praga scorre a litri in quantità da fare concorrenza alla capienza della Vltava.

Che cos’è la celiachia?

È un’intolleranza permanente al glutine, sostanza lipoproteica contenuta nel grano, nell’orzo e nella segale, che colpisce circa l’1% della popolazione europea.

Le persone che soffrono di celiachia possono accusare sintomi immediatamente successivi all’assunzione di cibi che lo contengono, come gonfiore o dolore addominale, vomito, dissenteria, affaticamento, e, se mal curate, possono sviluppare nel corso degli anni gravi complicazioni all’intestino.

L’unica cura possibile è una dieta priva di cibi contenenti glutine, per questo le persone celiache devono prestare estrema attenzione a ciò che mangiano.

VOCABOLARIO CECO PER CELIACI A PRAGA

Tanto per iniziare, un po’ di vocabolario può servire in Repubblica Ceca, un Paese dalla lingua molto diversa dall’italiano, per evitare di imbattersi in cibi poco compatibili all’intolleranza al glutine. Ecco le parole fondamentali da ricordare:

Glutine: lepek
Senza glutine: bezlepkový (-á, -é), bez lepku (domanda nei ristoranti: “Je to bezlepkové?”)
Contiene glutine: obsahuje lepek
Non contiene glutine: neobsahuje lepek
Jsem celiak: io sono celiaco/a

CELIACI IN VIAGGIO: DOVE MANGIARE A PRAGA

Ecco alcuni tra i ristoranti, le panetterie e pasticcerie e i negozi specializzati consigliabili a chi è intollerante al glutine.

U Karla è un ristorante di cucina ceca a due passi da Karlovo náměstí che offre un menu completamente gluten-free di piatti tipici cucinati con i migliori ingredienti e le tecniche della tradizione culinaria serviti da un personale vestito con abiti tradizionali. Nel ristorante non è consentito fumare.
Indirizzo: Křemencova 7, Praha 1
Categoria: Ristorante

I ristoranti Podolka che si trovano a Karlín e Podolí, offrono un’atmosfera rilassata in un ambiente ben arredato. Il menu specifica quali piatti siano privi di glutine,  ponendo anche una certa attenzione alle esigenze dei vegetariani.
Indirizzi: Šaldova 34, Praha 8 (Karlín) // Podolské nábřeží, Přístav 1, Praha 4 (Podolí)
Categoria: Ristorante

Lehka Hlava è un ristorante vegetariano con influenze etniche situato in un antico palazzo a pochi passi dalla Piazza della Città Vecchia, attento anche alle necessità di chi deve stare attento al glutine e alle differenti intolleranze alimentari. Il menu offre una lista di tutti gli allergeni.
Indirizzo: Boršov 2, Praha 1
Categoria: Ristorante

Maitrea è anch’esso un ristorante vegetariano nel pieno centro di Praga, costruito su due piani e arredato all’interno in stile feng shui. La mappa degli allergeni segnala quali siano i piatti privi di glutine e quali invece da evitare per chi soffre di celiachia.
Indirizzo: Týnská ulička 6, Praha 1
Categoria: Ristorante

La risotteria Al Riso dimostra che si può mangiare italiano senza utilizzare glutine. Situato nella splendida Betlémské Náměstí, il ristorante è specializzato in risotti ma il menu include anche diverse varietà di antipasti, primi e secondi piatti, pizze e dolci, tutto rigorosamente senza glutine, compresa la birra Celia.
Indirizzo: Betlémské náměstí 11, Praha 1
Categorie: Ristorante, Pizzeria

PAGINA SUCCESSIVA >>> 
1
2
3
4
5
SHARE
Previous articleComunicato IIC: presentazione e mostra di Guido Guidi
Next articleFestività ceche: 17 novembre, la Rivoluzione di Velluto
La principessa | Torinese di nascita, è fuggita dal Regno di Sardegna perché perseguitata dalle guardie del Re: la famiglia Savoia non le perdonò mai un tentativo di colpo di Stato che comunque andò a vuoto. Aveva parcheggiato la propria Fiat 600 di fronte al Palazzo Reale, indossando la maschera della Principessa Leila e reclamando il potere nel nome del sangue blu che scorrerebbe nelle sue vene. Una volta scoperta e incastrata, dovette fuggire in Cechia, dove si nascose nel castello del Principe Nedvěd di Boemia, con il quale condivideva la stessa fede calcistica. È stata spesso vista nel centro di Praga mentre cercava di ordinare un trdelník. Per italia praga one way scrive articoli di malcostume in cambio di nakládaný hermelín con le brusinky.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here