3.3 C
Praga
domenica, Gennaio 23, 2022
TM
HomeVivereL'altra PragaHladová zeď: il muro della fame in mezzo al verde di Petřín

Hladová zeď: il muro della fame in mezzo al verde di Petřín
H

Iscriviti alla nostra newsletter

Il muro della fame (Hladová zeď) lo conosciamo tutti. Si erge in mezzo al verde sulla collina Petřín di Praga.

La Hladová zeď fu costruita tra il 1360 e il 1362, ovviamente da Carlo IV come la metà dei monumenti della capitale. Lo scopo era quello di rafforzare le fortificazioni cittadine del Castello di Praga e di Malá Strana. A quel tempo fu un lavoro imponente, un muro lungo 1.178 metri costruito in soli due anni.

In origine era alto tra 4 e 4,5 metri ed era spesso 1,8 metri.. La parte superiore era dotata di merli, galleria, feritoie e diversi bastioni. Dicono che ce ne fossero otto. La hladová zeď si estendeva da Újezd ​​a Strahov e fino a Hradčany.

Il muro fu restaurato per la prima volta nel 1624. Fu ulteriormente fortificato a metà del XVIII secolo per ordine dell’imperatrice Maria Teresa. Piccole riparazioni furono eseguite nel corso dei secoli.

La costruzione deve il suo nome di Muro della fame in relazione alla carestia scoppiata nel 1361. Gli storici ritengono che Carlo IV, con politica da New deal, aumentò le persone che lavoravano alla costruzione per poter dar da mangiare alle persone rimaste senza cibo. Ma le reali intenzioni erano senza dubbio strategiche, come dimostra il fatto che la costruzione del muro è stata avviata prima della carestia.

Altro dalla sezione Altra Praga


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Da quasi un decennio siamo al servizio della comunità italiana in Repubblica Ceca. Se ti piace il nostro lavoro e vuoi premiare il nostro impegno, ti chiediamo un piccolo contributo per sostenere il progetto di italia praga one way.

blank
Puoi donare usando qualsiasi carta di pagamento. Un paio di birre ce le saremo meritati, no? 🙂

blank
Tiziano Marascohttps://www.tizianomarasco.com
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Must Read