Ceco in pillole #3: i mesi dell'anno in ceco e il loro significato

I mesi cechi hanno nomi diversi da quelli latini

Tra le varie asperità cui andrete incontro imparando ceco, troverete anche il problema di imparare i mesi.
I mesi cechi infatti  non hanno i nomi classici inventati dai latini.
Questo perché durante il romanticismo e la riscoperta delle radici nazionali, i cechi hanno pensato bene di recuperare gli antichi nomi slavi.

Mesi dell’anno: le differenze tra le lingue slave

I cechi non sono stati gli unici, ad esempio lo hanno fatto anche i croati e i polacchi. E siccome i nomi dei mesi hanno un significato, allo stesso nome nelle varie lingue corrispondono mesi diversi. Casino, vero?

Ma ai cechi è andata anche peggio. Perché gli slovacchi, che il romanticismo non lo hanno avuto, hanno mantenuto i nostri mesi. Ricordatevi infatti che la Slovacchia si è trovata sempre nella sfera d’influenza politica e culturale dell’Ungheria (e tramite l’Ungheria ha fisto un riflesso di romanticismo). Al contrario Boemia e Moravia sono sempre state vicine a Vienna.

Quindi quando un ceco e uno slovacco parlano assieme, il problema linguistico principale, e a qualsiasi livello è capire quale mese corrisponde a quale mese. Frasi come “Che mese è Apríl?” o “Che mese è Duben?” si sprecano.

I migliori però in tutto questo sono i miei “Brothers from another mother“, i miei amici della Slovacchia orientale, che quando parlano con me sparano il mese in slovacco, si fermano a pensarci e poi me lo dicono in ceco per aiutarmi (dovevo citarli prima o poi, n.d.Ž.O.).

I mesi cechi e l’origine del loro significato

Vediamo quindi i mesi cechi e soprattutto spieghiamone il significato.

  1. Leden – da led, che non sono i led ma è il ghiaccio.
  2. Únor – il secondo mese, un po’ come Utery è il secondo giorno (martedì, confrontate il latino utrum). Secondo un’altra versione Únor deriva da nořit se, immergersi. In questo mese infatti inizia il disgelo e il led di cui sopra si immerge nell’acqua di fiumi e laghi.
  3. Březen (questa va studiata) – da bříza, cioè betulla. Tuttavia da bříza viene březost che, per qualche strano motivo, con la betulla non centra niente e significa gestazione. Sostanzialmente březen è il mese in cui le femmine degli animali sono gravide.
  4. Duben – da dub, quercia
  5. Květen – il mese dei květy, dei fiori.
  6. Červen – da červ, insetti, che in questo mese danneggiano le messi.
  7. Červenec – da červený, rosso, il mese in cui la frutta diventa rossa
  8. Srpen – da srp, falce, il mese in cui si falciano i campi. E per chiudere il discorso fatto prima, siccome in Croazia fa più caldo, i campi si falciano prima. Srpan non è dunque agosto, ma luglio.
  9. Záři – dall’antico ceco zářuji. In ceco moderno říje. E il mese dopo si chiama appunto říjen
  10. Říjen (altro mese interessante) – il mese in cui le femmine di diversi animali, ad esempio i cervi, říjí, vanno in calore. Insomma, i cechi pensano solo a quello. Ma rujan esiste pure in croato (e ovviamente non è ottobre, ma settembre)
  11. Listopad – il mese in cui le listy (foglie) padají (cadono). Il mese in cui cadono le foglie.
  12. Prosinec – credevamo fosse il mese in cui si prosí (si prega). E invece no, prosinec viene da prase – maiale. Eh già, è il mese in cui si ammazza il maiale.

Altre amenità potete scoprirle leggendo un articolo molto simile dei nostri amici di Bighellonando in Cechia.

Qua potete trovare tutti i numeri della nostra rubrica ceco in pillole

Qui trovate invece il volume che dà una panoramica della lingua ceca

Ceco in pillole vol. #0: la lingua ceca, basi e domande


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Articolo precedenteNome “Czechia” inserito nel database delle Nazioni Unite
Articolo successivoLavoro a Praga: offerte Grafton, settimana 11-18 luglio
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

1 commento

  1. ecco perche’ mi sembra di essere a casa….
    brezen da briza. in modenese brisa equivale a “non” (brisa magner = non mangiare alternativamente usiamo anche il “menga” ma questa e’ un’altra cosa!) a marzo non c’e’ (o comincia a non esserci) il ghiaccio per cui ci sta!(heheheheh!!!) Il 13 dicembre e’ il giorno canonico per ammazzare il maiale. Modena-Cechia One Way!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.