Home Vivere Fuori Praga Patrimoni Unesco cechi #5: Telč, la “perla nascosta” dell’Europa

Patrimoni Unesco cechi #5: Telč, la “perla nascosta” dell’Europa

“Quanti abitanti ha Telč secondo te?”
“5.000, ho letto…”
“5.000? Secondo me 5! Questo posto è un buco assurdo!”

Può essere brutale, ma così fui accolto dal mio anfitrione, anche lui di passaggio, nel giorno in cui decisi di visitare Telč. Consigliatissimo da guide turistiche, blogger e viaggiatori, di fatto questo piccolo paese, per quanto effettivamente bello, ha diversi punti a suo svantaggio.

Popolazione: 5.000 abitanti
Distanza da Praga: tre ore in autobus
Collegamenti diretti: sì (solo autobus)
Visitabile in giornata: sì (2 ore massimo)
Attrazioni principali: Piazza, laghetto (rybník)

In primo luogo la posizione. Situata sulle alture tra Boemia e Moravia, Telč è servita da pessimi collegamenti rispetto a Praga. Esiste una sola compagnia che effettua collegamenti diretti di autobus da Praga, e va detto che tra un arcipelago di viuzze e città favoleggiate come Vlašim e Pelhřímov, gli stessi autisti ogni tanto si perdono.

Ciò detto, Telč è effettivamente molto bella. Di fatto però tutta la sua bellezza è racchiusa nella sua piazza e nel laghetto che la circonda. Sicché, mettendo il massimo dell’impegno, in due ore l’avete rivoltata come un calzino. E per arrivarci, di ore, ne occorrono almeno tre.

Il consiglio non vuole minimamente essere quello di snobbare questo bel paesino, piuttosto di visionarlo in giornata noleggiando un’auto e visitando qualche altra località nelle vicinanze, ad esempio Žďár nad Sázavou.

Sito ufficiale di Telč
La lista dei Patrimoni Unesco Cechi

Articolo precedenteLavora con l’italiano a Praga: le offerte Grafton 16/06
Articolo successivoItaliani a Praga: Filippo Mari, il turismo a due ruote
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version