Adv
Home Vivere Vita da expats: quanti soldi servono per vivere a Praga?

Vita da expats: quanti soldi servono per vivere a Praga?

Aggiornato 8 mag 2021

Quanto devi guadagnare per vivere a Praga e nella Repubblica Ceca in maniera decente?

Ci scrivete in tanti, come accadeva già in passato, per porci questa domanda o altri quesiti simili riguardo al vivere a Praga, ad esempio:

  1. Qual è lo stipendio medio in euro?

  2. Quanto serve per vivere a Praga?

  3. Basta uno stipendio di XYZ corone per vivere bene?

  4. Lo stipendio ceco è più basso di quello italiano, ha senso lavorare lì?

  5. Hai più di 30 anni? Guarda anche questo articolo!

La risposta a queste domande e a molte altre simili non può che partire da un semplicissimo assioma: ragionare in euro non vi servirà a nulla. Un po’ come è inutile ragionare in lire ormai che l’Italia ha preso la moneta unica, fare i calcoli in euro in un paese che ha valuta propria di fatto non aiuta ad avere le idee più chiare. Pertanto questo articolo verrà condotto senza convertire i valori in corone.

Piuttosto la questione andrebbe posta così.

In Italia ho uno stipendio di 1.300 euro netti e la vita mi costa 1.500 euro tra affitto benzina, cibo, sbronze. In Repubblica Ceca ho uno stipendio di 22.000 corone nette e la stessa vita (col tram in luogo della macchina) mi costa 21.000 corone.
Cosa mi conviene?

A questo punto la domanda corretta è: 

“Conviene fare una vita con un bilancio mensile in rosso di 200 euro o in attivo di poche corone?”

Anche senza sapere quanto sono 1.000 corone la scelta dovrebbe essere logica.

In ogni caso, se verrete assunti in Repubblica Ceca in una multinazionale, il vostro stipendio base sarà poco inferiore a quello medio nazionale, cioè 30.000 corone lorde – 21000 nette. A questo dovrebbero aggiungersi non meno di 1600 corone mensili in buoni pasto. A Praga la situazione è diversa. Gli entri level sono a 35.000 con lo stipendio medio a 41.000.

Ora però dobbiamo togliere le spese, che sono queste qui

  • Un affitto a Praga (in casa condivisa con qualcun altro) vi costerà sulle 10-12.000 corone, bollette escluse (si parla di 1/2.000 corone di extra). Trovare una casa a un prezzo decente a Praga ultimamente è un’impresa disperata, la domanda cresce costantemente e le speculazioni attorno ad essa pure. Se volete vivere a Praga da soli preparatevi a prezzi superiori alle 15.000, a meno che non siate in periferia profonda, ma se volete vivere da soli e avete meno di 30 anni sono anche un po’ problemi vostri. Per i drammi dell’affitto, vi rimandiamo al rozbludník, comunque.
  • La carta trasporti di Praga costa 3.650 corone l’anno (ovvero 10 corone al giorno).
  • Spendendo 250 corone in un bar avrete accesso a 6 birre da mezzo, cosa che ai più potrebbe bastare per esser portati a casa in barella e non avere voglia di bere per un po’. In Italia per quella cifra potete permettervi 2 birre da 0,4 L.
  • Un pasto al ristorante vi costerà circa 250-300 corone (e avete i buoni pasto), fare la spesa costa pure meno. Tenete pure conto dei polední menù (menù di mezzogiorno), con 160 corone vi fate pasto+una birra. Quando diciamo ristorante intendiamo ristorante ceco medio. Se volete andare in una pizzeria-ristorante italiana preparatevi a esser pelati, perché la pizza qua è cibo di élite e non faticherete a trovar luoghi in cui il prezzo di una margherita supera le 200 Kč (8 euri).

In sintesi – Quanto serve per vivere a Praga?

Mettendo assieme tutti questi fattori, ed evitando accuratamente di spender soldi dove li spendono i turisti (Staré Město e Malá Strana) risulta sempre più difficile rimanere sotto la soglia di spesa consentita da uno stipendio base di  22.000 Kč nette + 1.600 di buoni pasto, ma è pur sempre possibile.

Questo vale per Praga. Doveste essere assunti a Brno, state un po’ più tranquilli. Andate incontro ad uno stipendio un po’ più basso e a costi di vita  inferiori (e speculazioni sugli affitti più basse) rispetto alla capitale. Rimane il fatto che il capoluogo moravo ultimamente sta diventando più caro e non è dato sapere come si svilupperà in futuro. Idem per il resto del paese, visto che le delocalizzazioni stanno prendendo piede anche in altri centri meno noti.

13 sul campo, esperienze di vita reale

Nel 2018, ispirati dalla storia di Francesco e Valerio abbiamo deciso di provare a vivere a Praga per un mese con un budget di 13.000 corone, che al cambio di allora corrispondevano a 500 euro, ma anche allo stipendio minimo.

Bisogna dire che ci siamo riusciti. Forse non in maniera agilissima, ma ci siamo riusciti. Per giunta in un mese da 31 giorni – qui il dettaglio spese.

Abbiamo quindi deciso di lanciare la challenge delle 13.000 corone. Potete provarci tutti e dirci come va tramite il nostro gruppo.

Ovviamente ognuno di noi ha le proprie esigenze, i propri vizi, le proprie abitudini e i propri standard, quindi questa sfida va interpretata nella maniera giusta. Intendiamo verificare se ancora oggi si può pagare affitto di una stanza, mangiare decentemente e non porcate e avere qualche piccolo vizio rimanendo nello strettissimo budget di 13.000 corone mensili vivendo a Praga.

Per qualsiasi altra domanda, potete controllare nella sezione domande frequenti

Rozbludník: l’articolo in cui rispondiamo alle vostre domande su Praga


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Articolo precedenteEurobarometro: 40% dei cechi favorevole all’euro
Articolo successivoRiapertura 2021: cosa cambia [in aggiornamento costante]
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

9 Commenti

  1. Salve. Seppure concordo che vi siano in molti aspetti spese inferiori rispetto alle grandi città italiane, non concordo sul calcolo delle 19mila corone al mese. Vivo a Praga da 10 anni e quindi ho iniziato a pensare a Praga come città dove non solo devo sopravvivere ma anche vivere. Ad esempio, da professionista del settore commerciale con esperienza e posizione manageriale, affitto un appartamentino da solo (insomma, non è che possiamo affittare una camera a vita e vivere con altri 4 expats di cui molti sono a praga per donne, birre o per erasmus), mi piace mangiare bene a casa (da italiano del resto si è abituati ad una cucina varia e salutare), vestire bene (anche solo per il lavoro, non è che puoi adattarti a sandali e calze come molti a Praga). Bene, vi dico che l’appartamento costa intorno agli 800eur al mese fuori dalla zona centrale, le spese alimentari sono intorno ai 4-500eur e per una serata fuori in un locale se ne vanno 30-40 eur almenocchè non vai ogni volta nelle bettole con birra, fumo e sudore. Per vestirsi…meglio tornare in Italia poichè a praga il rapporto qualità/prezzo per il vestiaro è tra le peggiori che abbia mai visto in Europa. O compri zara e h&m oppure armani e zegna (che costano il 30%-40% in più rispetto all’italia). Molti italiani che vivono qui si sono adattati, vivendo una vita simile nello stile e le spese a quella ceca, ma bisogna considerare che la popolazione ceca ha un’aspettativa di vita medio-bassa, un serio problema di obesità, diabete (tra i più alti in europa, e calvizie (n.1 al mondo) ed è tra l’altro uno dei popoli più negativi al mondo (scusate se non cito fonti ma troverete gli stessi dati su google). Quindi, non saprei se adattarsi al 100% sia una cosa buona. Molti expats qui sono grati del fatto che hanno facilmente trovato lavoro ed è innegabile che con inglese e un titolo qualsiasi di laurea si possa trovare un posto (non fisso, non siamo in italia) in un paio di settimane e che nel giro di 4-5 anni con impegno e talento si possa raggiungere una posizione manageriale. Tuttavia, ricordate che un manager a praga guadagna 2mila euro netti almenocchè non è nel settore commerciale dove grazie alle commissioni si arriva anche a 3-4. Non è tantissimo considerando che parliamo di posizioni manageriali. Facendo il punto della situazione, se in Italia non trovate lavoro, praga è un ottima soluzione per cominciare e fare esperienza. Ma dopo diversi anni e quando si vuole iniziare a vivere un pò meglio, praga vi costerà intorno ai 1500eur al mese che è il doppio dello stipendio medio locale, e parliamo di spesa base per campare. Se volete macchina, mutuo, tv, locali nel weekend e vacanze annuali, calcolare pure 2300eur. Non pochissimo. Pensateci bene prima di venire a praga poichè eccetto le spese, c’è da ricordarsi che praga è freddina, grigia, si mangia male rispetto all’italia e la popolazione locale è fredda e spesso scortese. Ma ci sono anche vantaggi. Chiudo aggiungendo che se invece siete imprenditori, Praga è un ottima soluzione grazie alla tassazione favorevole: 19% corporate tax e 15% tassa sui dividendi.

  2. Con 7-9000 corone a Praga ci avete affittato una stanza o un loculo al cimitero al limite… L’affitto di un appartamento decoroso ha ben altro costo (e non parlo certo di attici a piazza della città vecchia)… I conteggi sembrano alquanto campati in aria!
    PS: Ormai il prezzo medio di una Pilsner Tank in una qualunque Hospoda oscilla tra le 40 e le 60 (in centro) corone a pinta… Quindi con 200 corone ci si prendono a malapena 4 birre… E se sono sufficienti quelle a farvi uscire in barella, a Roma c’è un detto che fa al caso vostro: “si er vino nun lo reggete, l’uva magnatevela a chicchi!”.
    Saluti

  3. Concordo pienamente con Burrata ed Ivano;
    L’articolo qui sopra e’ a dir poco superficiale e da proprio l’idea di voler servire da guida a chi viene a Praga in cerca di sbronze e fanciulle facili (tempi cambiati anche qui comunque) anziche’ a chi vuole trasferirsi con determinati standards;
    Personalmente,oggigiorno non vale piu’ la pena trasferirsi a Praga: stipendi medi bassi per un costo della vita costantemente al galoppo e sempre piu’ vicino alle citta’ occidentali e troppi stranieri in circolazione che hanno fatto inevitabilmente livellare al ribasso gli stipendi e schizzare in alto il costo della vita (senza parlare dei prezzi degli alloggi,ormai privi di ogni logica);
    Gran bella citta’ ma solo per turismo.
    Per vivere,se si ha la volonta’ di trasferirsi,ci sono localita’ nettamente migliori.

  4. la mia personale esperienza: 18 mesi a Celadna.
    Affitto: 600 euro
    vitto x 2 persone (esclusivamente italiano) 500 euro
    ristorante (italiano, spagnolo, jap) 200 euro
    auto 150 euro
    no bar no night life
    totale: euro 1.450 + luce/acqua/gas + vestiario + varie =totale 1800 euro
    paga netta 60.000 kr

  5. Ho abitato a Budejovice per 2 anni abbondanti, ho lavorato per conto di una multinazionale che si occupa di automazione. La paga era da trasfertista italiano qualificato ma versata in corone, perché lavoravo per conto di una succursale Ceca. Arrivavo a 80.000 mensili più affitto pagato e pasti pagati, compresa auto. Ero pagato più che il direttore di stabilimento, per intenderci; solo che lui prendeva mazzette e assumeva stagiste solo se avessero fatto lavori sopra e sotto la scrivania.
    Personalmente, al di là delle spese, non reputo la zona in cui ho vissuto tanto felice e se avessi figli non vorrei che vivessero lì.
    Al di là dei grossi problemi di alcolismo, comuni nell’est Europa; nelle discoteche, nei night club e nei bordelli ho visto una percentuale di tossicodipendenti da sostanze chimiche spaventosa. Mi ricordava vagamente l’Italia degli anni 80 con l’eroina solo che qui girano ste anfetamine.
    Altra cosa come ho scritto sopra, magari riferita solo a piccoli centri e non a Praga o altre grosse città.
    Una ragazza per essere assunta in un posto decente doveva a tutti i costi darla via.
    Personale esperienza.
    Ora da qualche anno vivo a Barcellona, faccio stesso lavoro ma in altra ditta e non tornerei indietro nemmeno se mi raddoppiassero la paga.
    Ciao a tutti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version