Home Vivere Caro prezzi: la spesa in Repubblica Ceca oggi costa quanto in Belgio

Caro prezzi: la spesa in Repubblica Ceca oggi costa quanto in Belgio

Recenti analisi rivelano che il caro prezzi sugli alimenti sta crescendo a una velocità notevole rispetto al resto dell’Unione Europea.

Un report di ČT24 ha messo alla luce l’aumento del costo dei beni di consumo in Repubblica Ceca rispetto all’ultimo anno. Secondo lo studio, durante l’emergenza coronavirus il caro prezzi ha riguardato in particolare la vendita di klobásy, carne di maiale, verdura, frutta e farina. Già a maggio, i prezzi si erano gonfiati del 2,9% rispetto all’anno precedente.

Il mese scorso le bevande analcoliche e il cibo hanno subito un aumento del 6,3% rispetto al 2019. Secondo ČT24  si è trattato comunque di un rincaro più lento rispetto a quello di aprile, che si è aggirato attorno al 7,8%.

Secondo un’analisi dei prezzi di prodotti simili all’interno della stessa catena di supermercati, sembrerebbe che il costo del cibo in Repubblica Ceca oggi si possa paragonare a quello del Belgio, uno dei paesi più cari dell’Unione Europea.

La vera differenza sta nel fatto che lo stipendio medio ceco si aggira sulle 34.000 corone, mentre in Belgio vengono sfiorate le 88.000 corone mensili.

Per i consumatori di alimenti biologici, la questione caro prezzi è particolarmente scomoda. Infatti, secondo un report di Seznam Zpravy, se in nazioni come Austria e Germania i prodotti di questo tipo costano il 30% in più rispetto a quelli non-organici, per chi vive nella ČR il supplemento è ancora più alto.

Altro nella sezione Vivere


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Emanuela Figliuolo
La Ba(o)rbona - Originaria dei monti sicani, alterna la vita nell'isola natìa con lunghi soggiorni nella Mitteleuropa. La sua natura filo-gitana e la scarsità di risorse la portano a non avere fissa dimora e a familiarizzare con tutti i divani, materassini gonfiabili e brandine del vecchio continente. In realtà è una spia segreta, ma neanche lei si ricorda per quale governo. In ogni caso, se le offrite una pacca sulla spalla e un carboidrato a vostra scelta riuscirete a portarla dalla vostra parte. Quando le chiedono cosa l'abbia portata in Boemia risponde sempre "Flixbus" e non capisce perché questa risposta non sia soddisfacente. Per Italia Praga One Way fa quello che gli altri non hanno mai avuto il coraggio di fare: accollarsi il lavoro arretrato e defenestrare dalla Žižkov Tower tutti coloro osano definirla un brutto edificio.

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Vannucci: consapevoli e attenti alle regole per evitare un nuovo lockdown

Dato che i numeri in relazione al Coronavirus sono quelli che sono, abbiamo intervistato di nuovo Luca Vannucci (qui interviste precedenti), direttore del Laboratorio di Immunoterapia...

Tram T3: i mezzi “immortali” di Praga rimarranno attivi per altri vent’anni

La DPP ha recentemente confermato che i leggendari tram T3, in circolo dal secolo scorso, continueranno a essere utilizzati nei prossimi decenni. Se avete trascorso...

Seconda ondata: tutte le novità [aggiornamento costante]

Perché se fai 2.000 contagi in un solo giorno mentre in primavera non si è mai arrivati nemmeno a 400, sarà il caso di...

Apple Store: no, non è vero che arriverà a Praga

Un tweet di Babiš ha fatto dilagare la notizia della prossima apertura di un Apple Store a Praga, ma leggendo meglio si scopre il...
Close