12.9 C
Prague
giovedì, Maggio 23, 2019

Home Lavoro Imprenditori e Professionisti Fare business in Repubblica Ceca #4: rapporti con il personale

Fare business in Repubblica Ceca #4: rapporti con il personale

Di Saša Danielů
editing – il Vojvoda

Tante volte arrivano sul gruppo Italiani in Repubblica Ceca richieste di persone che vorrebbero aprire attività commerciali in Repubblica Ceca. Il più delle volte hanno poche idee, ma ottimamente confuse. Questi articoli nascono proprio allo scopo di fare un po’ di chiarezza per chi volesse fare business in Repubblica Ceca.

Premessa: per chi vuole avviare un’attività da semplice libero professionista abbiamo già scritto articoli dedicati.

In questa nuova puntata partiamo da dove avevamo chiuso il terzo articolo, ovvero da chi gestisce un e-shop o comunque ha un’attività legata alle spedizioni. Un’attività, insomma che ti costringe ad aver fare con dei corrieri, che non sono dipendenti tuoi, ma sono comunque problematici.

Se lavorerai con corrieri, preparati ad un piccolo calvario: sono carissimi e menefreghisti. Già riuscire a farsi fare un preventivo è una vittoria. Qui non consiglio nessuno, fanno tutti schifo uguale, ma se devi utilizzarli per forza, devi ingoiare ed il primo che si degna di farti un preventivo, vai per quello, perché non è detto che tu possa avere una seconda chance.

In alternativa usa ecoparcel.eu che si appoggia a GLS, fa schifo uguale, devi pagare di volta in volta, ma almeno costa un po’ meno di PPL, DHL, DPD, UPS e ladri vari ed eventuali.

Se avrai dipendenti tuoi, i problemi sono diversi. Tralasciamo che il tipo di lavoratore varia molto a seconda di età e zona in cui vive. Partiamo invece dal presupposto che la Repubblica Ceca ha il tasso di disoccupazione più basso dell’UE, quindi tutti sono alla ricerca di dipendenti. Se li tratti male, stanno poco a sfancularti e andare da un altro. Perché sì, i di

Bassa disoccupazione si traduce inoltre in aumento progressivo e costante degli stipendi. Quindi toglietevi dalla testa l’idea di arrivare e pagare la gente con 500 euro al mese. Con quest’aspettativa puntate su Prešov o Košice, che però non stanno qui, ma in Slovacchia vicino al confine ucraino e non è detto che vi vada bene. Se mai vi interessasse, comunque, in questo articolo parliamo delle cattive condizioni che i dipendenti cechi devono sopportare. Potrebbe servire a capirne alcuni comportamenti.

Ad ogni modo, se un dipendente prende una busta paga da X Kč al mese, all’azienda costa circa 2 volte X.

Nella Repubblica Ceca, per pagare poco, si può puntare su un contatto part-time a brigáda. In questo modo puoi assumere gente che prende sì 300 euro al mese, ma per quei soldi figuratevi quanto gliene frega di lavorar bene. Puoi anche assumere lavoratori con contratto da libero professionista, e lì i risultati si vedono caso per caso.

Detto questo, molto probabilmente dovrai sovradimensionare il numero del personale. Quindi se secondo le tue stime per la tua attività servono 10 persone, vuol dire che te ne potrebbero servire 15-20. Soprattutto se parliamo di operai generici che stanno in malattia perché ubriachi ogni lunedì e venerdì, il martedì hanno mal di testa e vanno via prima, il giovedì.

Eh già, perché il tasso di disoccupazione basso rende la minaccia di licenziamento molto debole. “Mi mandi via? Sto poco a trovare un posto in cui mi trattano meglio”. Insomma, fate in modo che si trovino bene con voi e cercate di costruire un gruppo di dipendenti affiatato.

Certo, non è colpa vostra se adesso qui la disoccupazione è al 5% nelle aree “messe male” e al 2% in quelle “messe bene”. Ma smantellatevi dalla testa l’idea che i metodi italiani siano infinitamente migliori di quelli cechi. L’esperienza di Stramaccioni allo Sparta è lì a ricordarvelo. Idem, non pensate di venire qui e pagare due lire gente che poi vi penderà dalle labbra per il semplice fatto che gli regalate il parmigiano e gli date uno stipendio.

Qui trovate tutti gli articoli sul business in Repubblica Ceca


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.
Per informazioni più dettagliate potete consultare la Camera di commercio italo-ceca il ministero del Lavoro e il ministero dell’Industria e del Commercio ceco


Alessandro Daniele
lI Troll - Originario della liviana Patavium, a 14 anni si trasferisce in Giappone per fare il pilota di Evangelion. Successivamente si trasferisce in Moravia dopo aver parlato in sogno con il Nano del Chaos (ma non sappiamo come il nano lo abbia convinto). Per Italiapragaoneway fa il muratore on-line e viene retribuito 20 párky al mese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Must Read

Comunicato IIC: Italia protagonista al festival internazionale “Primavera di Praga”

Italia protagonista alla 74° edizione del festival internazionale “Primavera di Praga” (Pražské jaro) con l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia diretta da Antonio Pappano. Sia...

Anthropoid (2016): la Praga del 1942 sul grande schermo (no spoiler)

Dai libri di storia al grande schermo. L'Operazione Anthropoid non ha affascinato solamente storici e romanzieri. Il cinema dunque non si è fatto scappare una...

Repubblica Ceca: elenco dei liberi professionisti parlanti italiano

A seguito di reiterate richieste abbiamo deciso di creare questo elenco di professionisti che fanno lavori "particolari" nella Repubblica Ceca. Le attività sono in ordine...

Navalis: il festival sull’acqua di Praga

Forse non lo sapete, ma Praga ha una festa navale sulle acque della Vltava, che si chiama appunto Navalis. Le celebrazioni si svolgono alla vigilia...

Altra Praga: il tunnel di Karlín (o di Žižkov)

È lungo più di trecento metri, largo 4,5 ed una pendenza dell'8%. Angusto e buio, ad attraversarlo la notte (alla faccia dell'illuminazione interna) magari...