indirizzi praghesi
Questo sta a Bustěhrad, ma ci sembrava giusto aprire così By ŠJů, Wikimedia Commons, CC BY 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=70771183

Prendendo spunto da una domanda posta nel pollaio gruppo, presentiamo un articolo per spiegare il funzionamento degli indirizzi praghesi.

Chi è stato in via Nerudova probabilmente sa che un tempo gli indirizzi praghesi erano determinati semplicemente dalle insegne sulle case. “U dvou Slunců” (ai due Soli), oltre che essere il nome dell’hospodazza del caso, era anche l’indirizzo a cui inviare le lettere. E questo perché sull’edificio erano effigiati due Soli. Poi sono arrivati questi maledetti numeri arabi e gli indirizzi a Praga sono diventati una giunga (#cazo).

Žukovského 888/2, Náměstí Jana Palacha 1/2, Náměstí Republiky 1078/1. Quante volte vi siete chiesti perché negli indirizzi praghesi ci sono due numeri? E quante volte, pensando che il civico fosse il primo, siete andati da tutt’altra parte?

In effetti all’inizio la cosa lascia un po’ disorientati. Per qualche motivo infatti, l’indirizzo in tutta la Repubblica Ceca ha due copie di numeri, ovvero

Il Číslo orientační e il Číslo popisné.

Spieghiamo come funzionano con l’esempio di via Žukovského 888/2, luogo in cui, se avete scelto l’opzione one way, siete già stati (e se non l’avete fatto, sarebbe bello provvedere):

  • 2 è il číslo orientační (numero orientativo), il banale civico. Il numero a cui dovete fare riferimento per trovare l’edificio nella strada. Solitamente il ČO è contrassegnato da una targa blu o rossa1.
  • 888 è il číslo popisné (numero descrittivo), che se vai in giro non ti serve a una beneamata, però qua viene dato. A Praga e in buona parte del paese, è un numero importante a fini di catasto, perché è il numero che identifica un edificio in maniera univoca, praticamente il numero di serie. In soldoni: se abiti in una casa col civico 3 e tra casa tua e la casa che sta all’1 costruiscono qualcosa, il tuo civico diventa (in teoria) 5. Il Číslo popisné invece resta uguale. Quando compare, il ČP è contrassegnato da una targa rossa o bianca.

Ad ogni modo, se vi viene dato un indirizzo completo di ČP e ČO, quello che a voi serve è normalmente il secondo (888/2, 1024/75, 758/114). Oppure, secondo un metodo un po’ più empirico anche se non sempre esatto, il numero più piccolo (i čísla popisná di solito hanno almeno 3 cifre mentre qui non esiste una strada, nemmeno l’Evropská třída, che arriva al civico 200).

Ora, se siete qui e vi interessa solo saper leggere gli indirizzi, fermatevi qua. Ora inizia la parte #casino e proseguite a vostro rischio. Se andate avanti e non capite più niente, non venite a lamentarvi. Vi ho avvertito!

ul. 5 května, questa è davvero Praga
Autor: ŠJů, Wikimedia Commons, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=16785436

Problematica varia

Sia ben chiaro che, se i cechi hanno questo sistema di dare per iscritto due numeri assieme, un motivo c’è: di fatto, per i cechi il popisné è più importante dell’orientační.

Tralasciando gli indirizzi praghesi, ad esempio, sappiate che nei paesi più piccoli si usa solo il popisné. E non solo in quelli piccoli. Ecco un elenco di centri anche belli grossi in cui viene usato solo il popisné: Pardubice (capoluogo di regione!), Kladno, Frýdek-Místek, Třinec, Příbram, Orlová, Trutnov, Kolín, Vsetín, Litvínov, Uherské Hradiště, Havlíčkův Brod, Sokolov, Chrudim, Strakonice.

Ora, vivendo a Praga, di come funzionano gli indirizzi in queste città ce ne importa il giusto. Però se avete esperienza di vita vissuta in una di queste città (tipo, il Canepa ne avrebbe, senza far nomi), potete raccontarcelo.

A qualcun’altro poi potrebbe sorgere la seguente domanda. “Tenendo conto che i popisná sono diversi, è possibile che più edifici stiano allo stesso civico?”

Questa domanda ha senso ed è suffragata da due osservazioni empiriche.

  • Da un lato ogni tanto si cammina per Praga e non si vede un numero blu anche per un centinaio di metri e in quel centinaio di metri si passa da 72 al 78 anche se la via è fitta di case.
  • Dall’altro ogni tanto sulle case si trovano non solo due, ma anche tre numeri.

Ora, a questa domanda non siamo in grado di rispondere. Possiamo però azzardare una spiegazione sul terzo numero (e chi ne sa di più può darci una mano, se vuole).

Altri numeri

In effetti a Praga (e forse altrove), per alcune oscure trame del destino, su alcuni edifici è segnato anche il parcelní číslo, ovvero il numero di appezzamento catastale su cui un edificio si trova a sorgere.

Può tranquillamente essere pure che si tratti anche di un vecchio popisné číslo, ma pure di un evidenční číslo (numero di registro) che l’amministrazione ha dimenticato di togliere (in entrambi i casi). Gli evidenční čísla in effetti sono stati aboliti, ma ancora oggi vengono usati per tre casi specifici:

  1. edifici per la ricreazione familiare (chaty)
  2. costruzioni temporanee (tendoni e cose così)
  3. edifici che non richiedono un permesso di costruzione o notifica all’autorità edilizia.

Questi evidenční čísla, a Praga, hanno l’abitudine di essere neri in campo giallo.

Amenità dei civici Praghesi

A Praga per le strade con sviluppo sud-nord la numerazione dei civici aumenta secondo la corrente della Vltava. Per le capre e i terrapiattisti, la Vltava scorre verso nord e quindi i numeri aumentano percorrendo una strada verso nord.

Per le strade est-ovest invece fa fede la direzione di allontanamento dalla Vltava. Quindi in Koněvova e Seifertova i numeri aumentano andando a est, sull’Evropská Třída aumentano andando verso ovest. Questo sempre in teoria, perché non è sistematico.

Infine, per Bořivojova, che ha uno sviluppo ad angolo e quindi è sia sud-nord che est-ovest, vale la numerazione secondo la corrente del fiume.

Altro nella sezione Vita Praghese


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Articolo precedenteAnalisi: Praga tra le città più Vegan friendly d’Europa
Articolo successivoEscursioni in Repubblica Ceca: le Čertový hlavy
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.