TM

Quo vadis

Sculpture of a Trabbi on legs at the German embassy in Prague
Wegmann / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)

È il suo lavoro più vecchio tra quelli ancora accessibili al pubblico, ma paradossalmente anche uno dei più difficili da scovare. Quo vadis risale al 1990, al momento si trova nel giardino dell’ambasciata tedesca di Praga. Si può vedere dal parco Petřín da dietro il cancello dell’edificio.

Si può accedere al parco da Vlašská, la strada di fronte la chiesa di Karel Boromejský. Da lì troverete un sentiero con vista sul giardino dell’ambasciata.

Adv Inline

Quo vadis raffigura un’auto Trabant della Germania dell’est ed è stata la prima opera di Černý a riscuotere attenzione anche dall’estero. È una statua che vuole commemorare i tedeschi della Germania dell’est che nell’autunno dell’89 si recarono in quella che allora era l’ambasciata della Germania ovest per tentare di fuggire dal blocco dell’est.

L’opera originale si trova al Forum di storia contemporanea di Leipzig, mentre quella a Praga è un calco di bronzo che si trova nell’ambasciata dall’autunno 2001.

Pink Tank

The famous pink IS-2, formerly tank No.23, located at the entrance to the museum in Lešany.
Adamicz / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)

Al momento Pink Tank si trova al Museo Militare del comune di Lešany, anche se occasionalmente è stato esposto anche nella capitale (l’ultima volta nel 2011).

L’opera nasce però a Praga 5, in piazza Kinských. Lì infatti era poggiato sopra un piedistallo di pietra il carrarmato IS-2 No. 23, in memoria della liberazione della città da parte delle armate sovietiche alla fine del secondo conflitto mondiale.

Il 28 aprile 1991 Černý decise di dipingere il monumento di rosa di nascosto. Ciò provocò un vero e proprio scandalo: l’artista venne arrestato per vandalismo, il carrarmato venne spostato dalla piazza e il piedistallo dove poggiava fu distrutto.

Torzo invazního tanku

Mojmir Churavy / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)

I carri armati non hanno abbandonato del tutto piazza Kinských! Il 21 settembre 2018, durante il 50mo anniversario dell’invasione del Patto di Varsavia, è stata montata una riproduzione di un carrarmato sovietico che sembra sbucare dal terreno.
Torzo invazního tanku (“Il busto del carrarmato”) doveva consistere in un’installazione temporanea, ma è finito per rimanere.

Questo carrarmato è di colore verde con una striscia bianca, simile a quelli usati durante l’invasione del 1968. Una sua versione in rosa è apparsa brevemente nella piazza in occasione del 40mo anniversario dell’invasione nel 2008.

Adv Bottom
1
2
3
4
5
6
7
FONTEExpats.cz
Articolo precedenteViaggiare durante l’estate – Covid-19 Edition
Articolo successivoUfficiale: mascherine obbligatorie dal primo settembre
La Ba(o)rbona - Originaria dei monti sicani, alterna la vita nell'isola natìa con lunghi soggiorni nella Mitteleuropa. La sua natura filo-gitana e la scarsità di risorse la portano a non avere fissa dimora e a familiarizzare con tutti i divani, materassini gonfiabili e brandine del vecchio continente. In realtà è una spia segreta, ma neanche lei si ricorda per quale governo. In ogni caso, se le offrite una pacca sulla spalla e un carboidrato a vostra scelta riuscirete a portarla dalla vostra parte. Quando le chiedono cosa l'abbia portata in Boemia risponde sempre "Flixbus" e non capisce perché questa risposta non sia soddisfacente. Per Italia Praga One Way fa quello che gli altri non hanno mai avuto il coraggio di fare: accollarsi il lavoro arretrato e defenestrare dalla Žižkov Tower tutti coloro osano definirla un brutto edificio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.