Home Notizie Fine stato di emergenza: cosa cambia il 15 giugno

Fine stato di emergenza: cosa cambia il 15 giugno

Il 15 giugno decade un’ulteriore fetta delle restrizioni approvate nella Repubblica Ceca per far fronte alla pandemia di Coronavirus. Ne rimangono valide ancora poche.

l ministero della Sanità ha reso noto che dopo il 15 giugno sarà possibile acquistare snack nei teatri e nei cinema, anche se non sarà possibile mangiare in sala. Sarà poi possibile vendere e consumare cibo ai farmárské trhy (mercatini agroalimentari).

České dráhy ha reso noto che da domani saranno ripristinati tutti i collegamenti con l’estero e il 98% di quelli interni. Leo express da domani ripristinerà tutti i treni interni.

Rimane l’obbligo di mascherine valido fino ad ora. La commissione epidemiologica comunque martedì prossimo dovrebbe discutere la situazione. Secondo il ministro della Sanità Adam Vojtěch ancora non c’è unanimità sull’argomento ma, in linea di massima, l’obbligo di avere il volto coperto nei mezzi pubblici dovrebbe rimanere.

Le restrizioni nella Repubblica Ceca vengono revocate principalmente a intervalli di due settimane secondo il piano prestabilito.

Il nostro riepilogo sulla Riapertura dei confini è disponibile a questo link.

Altro nella sezione Vivere


LINK UTILI CORONAVIRUS

COMUNICAZIONI UFFICIALI

MINISTERO SALUTE CECO – https://www.mzcr.cz/obsah/2020_4107_1.html
AMBASCIATA D’ITALIA IN REPUBBLICA CECA

MAPPE E SITUAZIONE DEL CONTAGIO



Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Tiziano Marascohttp://www.tizianomarasco.com
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Integrazione: secondo il 72% dei cechi gli stranieri devono adattarsi di più

Secondo recenti studi sulla popolazione ceca, la maggioranza vorrebbe che gli stranieri si impegnassero maggiormente a livello di integrazione. Solo il 3% pensa che...

Commissione europea: Pil ceco calerà ulteriormente nel 2020

La Commissione europea ha rivisto le proprie stime riguardo la decrescita economica della Repubblica Ceca quest'anno. Se nelle proiezioni di maggio Bruxelles stimava un...

Trasporto pubblico: Praga rimuove il WiFi da tram e metro

La compagnia di trasporti di Praga (Dopravní podnik Prahy - DPP) ha deciso di non investire sul Wifi per concentrarsi maggiormente sulla tecnologia LTE. A...

Agricoltura bio: il comune di Praga offre terreni e assistenza

Il nuovo progetto prevede l'affitto di terreni a prezzi contenuti e assistenza nella vendita dei prodotti con l'obiettivo di promuovere l'agricoltura bio. Tramite quest'iniziativa, Praga...
Close