Jiřího z poděbrad
Autor: Lukáš Vrána – Vlastní dílo, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=48373254

La ristrutturazione di piazza Jiřího z Poděbrad, su progetto di Pavla Melková e Miroslav Cikán dello studio studio MCA, dovrebbe iniziare nel 2022.

Piazza Jiřího z Poděbrad, una delle più importanti di Praga, è in attesa di essere sistemata dal 2000. Il progetto di messa a nuovo è attualmente in fase di completamento.

La proposta di rivitalizzazione cerca di rispondere a tutte le attuali esigenze della piazza, rendendola adatta a organizzare eventi e ospitare i mercati, che si svolgono tre volte la settimana. L’obiettivo è anche quello di dare all’aspetto della piazza un carattere unitario, rimuovere varie barriere architettoniche (soprattutto per la metro) e creare un’area pavimentata sufficientemente ampia per eventi sociali o davanti alla scuola. In particolare, nella parte di fronte alla chiesa si prevede di creare aumentare lo spazio per le panchine. Insomma, più cemento.

Jiřák divisa in due parti

Il progetto divide piazza Jiřího z Poděbrad in due parti, ovvero davanti e dietro alla chiesa. Niente di nuovo, fin qui. Nella metà “tranquilla” (dietro la chiesa) verrà completata l’area del parco. Sull’altro lato, ovviamente verrà aumentata la pavimentazione in modo che qui possano svolgersi vari eventi pubblici.

Dovrebbero inoltre essere aggiunte fontanelle, aiuole e dovrebbe essere migliorato lo stato del manto erboso.

Sulla base di queste novità, si prevede di spostare i farmářské trhy (mercati agricoli) in modo che siano davanti ai caffè e non alla scuola. Davanti alla scuola dovrebbe inoltre sorgere un parco giochi, oltre che l’ascensore per la stazione della metropolitana.

È prevista la realizzazione di una vasca di raccolta dell’acqua piovana dal tetto della chiesa per irrigare le aree erbose della piazza, oltre a questo, verranno piantati altri 154. Anche gli attraversamenti pedonali di Vinohradská e Slavíkova dovrebbe essere migliorati. Tutte le superfici “non verdi” dovrebbero essere coperte con un lastricato in pietra.

Il Distretto di Praga 3 collaborerà con la Compagnia di Trasporti (DPP) per la modifica dei tubi di scarico dell’aria della metropolitana. Il sistema attuale infatti (le grandi strutture agli angoli della piazza) danneggia la vegetazione. Le odierne tecnologie, inoltre, consentono il posizionamento di strutture notevolmente più piccole.

Storia della rivitalizzazione

Nel 2000, il quartiere della città ha indetto un concorso di architettura per progettare la rivitalizzazione dello spazio, vinto dallo studio MCA di Pavla Melková e Miroslav Cikán. La licenza edilizia è stata rilasciata per la prima volta nel 2002, tuttavia i lavori sono stati sospesi ancora durante la fase preparatoria a causa dell’alluvione (i fondi sono stati ovviamente dirottati altrove). Negli anni successivi, la questione “Piazza Jiřího Poděbrady” è stata riportata alla luce più volte senza avere però risultati concreti.

Solo nel 2014 si è arrivati alla firma un Memorandum di Cooperazione tra il quartiere di Praga 3 e la regione Praga capitale per la rivitalizzazione della piazza come spazio pubblico cittadino. Nel 2019 infine si è passati a condurre un sondaggio tra la popolazione per avere “informazioni dirette” su quali fossero le richieste di rinnovamento della piazza.

Il nuovo aspetto della chiesa, infine potrebbe sbloccare la richiesta, attualmente in stato di impasse, di inserire la chiesa tra i patrimoni mondiale dell’UNESCO.

Fonte – Campuj

Tutti gli articoli sulla Vita Praghese


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” iscriviti al gruppo.
Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Articolo precedenteIIC: programma giugno 2021
Articolo successivoRepubblica Ceca: annunciata la riapertura completa dei confini con l’UE
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.