Home Notizie Showpark: riaperto, ma Praga non fa sconti sull'affitto

Showpark: riaperto, ma Praga non fa sconti sull’affitto

La più grande casa chiusa di Praga, lo Showpark, ha riaperto. Non solo, ha ricevuto gli aiuti di Stato in relazione alla crisi del Coronavirus. Non riceverà però dal comune di Praga sconti sugli affitti.

Durante il periodo di quarantena il comune ha cercato di chiudere la struttura  e usare le stanze per ospitare i senzatetto. Ora la società Eroc, che gestisce lo Showpark chiede uno sconto sull’affitto, viene pagato alla città. Praga rifiuta.

La disputa tra la casa chiusa e il comune di Praga è di vecchia data. Il paradosso dell’intera situazione è principalmente che la città possiede l’edificio in cui si trova il club. E per anni ha riscosso l’affitto.

Alla fine di marzo, il suo sindaco Zdeněk Hřib ha affermato che alla compagnia erano state concesse 72 ore per trasferirsi. Non è tuttavia successo niente e il locale ora ha riaperto. La società Eroc aggiunge che al momento non c’è motivo di chiudere il locale anche ora che soddisfano tutte le misure igieniche ordinate.

Per quanto riguarda i contenziosi legali, il sito di informazione Novinky afferma che lo ShowPark sembra avere la meglio. Nonostante una sentenza di tribunale che dà ragione al comune, durante i due mesi di quarantena non c’è stato verso di sgombrare il locale. L’unico tentativo concreto è stato un’ispezione igienica che alla fine ha valutato che “le stanze non sono realmente adatte per ospitare i senzatetto”. E ovviamente ora che il locale ha riaperto, ha presentato ricorso contro la sentenza.

I nostri articoli sulla Praga notturna


Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su cosa succede a Praga e in Repubblica Ceca, metti Mi Piace sulla nostra pagina Facebook “Italia Praga one way” e aggiungimi agli amici.

Non dimenticare di seguire anche il nostro canale Instagram.
Hai domande da farci? Iscriviti al gruppo ufficiale “Italiani in Repubblica Ceca”.

Tiziano Marascohttp://www.tizianomarasco.com
Il Vojvoda | Friulano di nascita, parla 9 lingue e scrive in 4 alfabeti. Ha studiato metallistica all'università di Hedlund e seguito le lezioni del professor Krull. Alimenta la fiamma di Trockij, si è stabilito a Praga nel 2011. All'epoca stava fuggedo dalla Russia, dove aveva tentato di sabotare la rielezione di Putin. Riparato a Vienna ha provato a convincere gli austriaci a riprendere le loro terre, stabilendo però il parlamento al Karlmarxhof. Fallito anche questo tentativo, si è stabilito a Praga dove lo aveva invitato il suo amico Egon Bondy. Potete trovarlo a Žižkov travestito da Major Zeman. Per italia praga one way fa il favellatore di lingua ceca e riceve mezzo chilo di halušky al mese (con la bryndza e la slanina, mica quelli coi crauti).

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Altra Praga: Nuselský most, il ponte di Nusle

Dagli anni '70 collega Pankrác e IP Pavlova. Il ponte di Nusle (Nuselský most o Nuselák) è fondamentale per il trasporto a Praga, ma...

Integrazione: secondo il 72% dei cechi gli stranieri devono adattarsi di più

Secondo recenti studi sulla popolazione ceca, la maggioranza vorrebbe che gli stranieri si impegnassero maggiormente a livello di integrazione. Solo il 3% pensa che...

Commissione europea: Pil ceco calerà ulteriormente nel 2020

La Commissione europea ha rivisto le proprie stime riguardo la decrescita economica della Repubblica Ceca quest'anno. Se nelle proiezioni di maggio Bruxelles stimava un...

Trasporto pubblico: Praga rimuove il WiFi da tram e metro

La compagnia di trasporti di Praga (Dopravní podnik Prahy - DPP) ha deciso di non investire sul Wifi per concentrarsi maggiormente sulla tecnologia LTE. A...
Close